Torino, ragazzo di 25 anni decapitato in casa. Si cercano responsabile e movente dell'omicidio

Torino, ragazzo di 25 anni decapitato in casa. Si cercano responsabile e movente dell'omicidio
Per saperne di più:
ilmessaggero.it INTERNO

Gli inquirenti alla ricerca del movente non escludo nessuna pista, neanche quella della rapina finita male.

Le indagini, affidate alla Squadra Mobile della Questura di Torino, sono coordinate dal pm Valentina Sallaroli.

La vittima, Mohammad Ibrahim, lavorava come lavapiatti in un ristorante di Collegno, comune alle porte del Capoluogo piemontese, insieme al suo coinquilino che ha dato l'allarme e chiamato la Polizia dopo aver scoperto il cadavere. (ilmessaggero.it)

Se ne è parlato anche su altri media

La giovane era priva di documenti e, pertanto, è stata accompagnata al Comando di via Bologna per l’identificazione. I ‘civich’, insieme alle due ragazze, si sono recati sul luogo dell’aggressione e, su loro indicazione, hanno individuato la ragazza aggreditrice. (torinonews24.it)

Da quanto si apprende, l'assassino ha utilizzato un'arma da taglio, colpendo con estrema violenza il ragazzo tanto da decapitarlo, quindi si è dato alla fuga. Gli inquirenti stanno provando a ricostruire gli ultimi movimenti del 25enne nonché analizzando i filmati delle telecamere di sorveglianza presenti in zona (newsbiella.it)

Terribile omicidio a Torino, dove un uomo di 25 anni è stato sgozzato nella sua casa di Corso Francia in circostanze ancora ignote. Le informazioni a disposizione non aiutano, al momento, a fare chiarezza sul mistero del brutale omicidio (Leggilo.org)

Torino – Ragazzo decapitato in casa, fermato uomo sospettato dell'assassinio

Un giovane bengalese di 25 anni, Mohammad Ibrahim, è stato ucciso a coltellate nel suo appartamento di corso Francia 95, a Torino. In base alle prime ricostruzioni l’uomo, che ha un impiego come lavapiatti e inserviente di cucina, è stato colpito con più fendenti alla gola nel suo alloggio al terzo piano dello stabile (Corriere della Sera)

Nella notte fra martedì e mercoledì il 25enne bengalese è stato ritrovato senza vita e con la testa tagliata di netto nel suo appartamento di corso Francia. Gli investigatori della questura, coordinati dal dirigente Luigi Mitola, hanno indagato da subito negli ambienti della comunita bengalese a Torino e hanno interrogato a lungo i coinquilini di Ibrahim. (Corriere della Sera)

LA VICENDA - Varie volte Mostafa ha chiesto indietro la somma, visto che il 'pattò non era stato rispettato. Una frase netta, in mezzo a tante confuse, Potrebbe essere un lapsus, ma anche una confessione involontaria quella resa da Mostafa Mohamed, 24 anni, quando è stato interrogato dai magistrati. (ilgazzettino.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr