Allarme peste suina nel nord-ovest, Confagricoltura: “Salvaguardare allevamenti e filiera”

Allarme peste suina nel nord-ovest, Confagricoltura: “Salvaguardare allevamenti e filiera”
San Marino Rtv INTERNO

Alla preoccupazione della propagazione del virus, si aggiunge quella legata all'economia e alla depressione del mercato interno e dell'export.

Ora – aggiunge - “è necessario agire con la massima tempestività ed efficacia nel campo della sorveglianza e delle misure di biosicurezza per la protezione degli allevamenti”.

“In questa fase – prosegue il presidente Massimiliano Giansanti – è anche fondamentale il rigore delle informazioni ai consumatori, evitando altresì qualsiasi speculazione commerciale”

“Altamente contagiosa e spesso letale per gli animali - continua la nota -, non è invece trasmissibile agli essere umani”. (San Marino Rtv)

La notizia riportata su altre testate

– Non sarà possibile raccogliere funghi e tartufi, pescare, fare trekking e mountain biking oltre a ogni attività che “prevedendo l’interazione diretta o indiretta con i cinghiali infetti o potenzialmente infetti, comportino un rischio per la diffusione della malattia“. (Radiogold)

Sono escluse dal divieto le attività connesse alla salute, alla cura degli animali detenuti e selvatici nonché alla salute e cura delle piante, comprese le attività selvicolturali. (Cronache Ponentine)

smaltimento dei visceri, contaminazione ambientale, limitazione dell’uso dei cani), per il quale sarebbe opportuno intraprendere specifici percorsi formativi e informativi“. A rischio, stando alle stime di Cia-Agricoltori italiani, sarebbero 1,7 miliardi di euro di esportazioni riguardanti carni e salumi di suino Made in Italy, comparto che nel 2021 aveva fatto segnare un aumento del 12,2% rispetto all’anno precedente. (Armi e Tiro)

Peste suina, i casi sono 7: la Regione vieta attività venatoria nell’Alessandrino

Genova – La diffusione della peste suina africana è un grave rischio per la produzione di insaccati e carni suine italiane e lo Stato ha deciso di istituire ben sei mesi di “zona rossa” per i boschi di ben 144 Comuni Italiani. (Liguria Oggi)

L'ordinanza nel dettaglio. "I servizi regionali competenti - prosegue il documento - su richiesta degli interessati, possono autorizzare, su motivata e documentata richiesta, lo svolgimento delle attività vietate, sulla base della valutazione del rischio da parte del CEREP" (Sky Tg24 )

Si tratta di un ungulato ritrovato morto nel territorio del Comune di Tagliolo Monferrato. di Floriana Rullo. (Corriere della Sera)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr