MPS è una banca sicura? La verità lascia senza parole

Social Periodico ECONOMIA

Nel 2013 diversi responsabili dell’istituto sono stati indagati per svariate irregolarità che hanno portato tra gli altri ad un aumento di capitale nel 2017 di 5 miliardi di euro, aumento di capitale che non è stato possibile concretizzare.

La crisi economica, acruita dal Covid-19 ha reso MPS decisamente impopolare per gran parte della popolazione per diversi “scandali” e per il supporto resosi necessario dal punto di vista del governo. (Social Periodico)

Su altre fonti

Siamo le lavoratrici e i lavoratori del Gruppo Monte dei Paschi di Siena. Non sappiamo per quale azienda lavoreremo, se la nostra professionalità sarà salvaguardata, se lavoreremo nella stessa città, quale mansione saremo chiamati a svolgere. (FIRST CISL)

Lo chiediamo proprio in base alle condizioni poste da Unicredit per la prosecuzione dell’operazione. L’ipotetico acquirente richiede infatti un ulteriore considerevole esborso di denaro pubblico per portare a termine tale operazione». (Il Piccolo)

E la richiesta, lanciata dai sindacati a fine aprile, di essere coinvolti nel dibattito sul futuro del Monte dei Paschi, sarebbe stata accolta. Quando si grida in piazza, ci si convince che a Roma qualcuno raccolga l’appello. (LA NAZIONE)

"La responsabilità non è nostra ma siamo noi, lavoratrici e lavoratori del Gruppo Monte dei Paschi di Siena, a rischiare di pagarne il conto. (Toscana Media News)

E neanche in numeri importanti, come la loro lettera di giovedì avrebbe lasciato presupporre. Così, i dipendenti di Banca Mps, annacquati tra i vessilli sindacali, hanno lasciato campo libero a una manifestazione a tutto tondo. (Corriere Fiorentino)

"Il centrodestra - prosegue Marrocchesi - era ampiamente rappresentato, oltre che dal sottoscritto, dal sindaco De Mossi, accompagnato da alcuni assessori della Giunta; non così, possiamo dire degli altri candidati, in primis del segretario Pd Enrico Letta che ha preferito disertare la manifestazione. (SienaFree.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr