Bianchi: educazione più che istruzione. Le linee programmatiche [PDF] - Notizie Scuola

Bianchi: educazione più che istruzione. Le linee programmatiche [PDF] - Notizie Scuola
Tecnica della Scuola INTERNO

Bianchi durante l’intervento ha dichiarato: “Preferisco la parola educazione alla parola istruzione, perché ha nella sua etimologia lo slancio in avanti”.

RIVEDI LA DIRETTA. LEGGI ANCHE

Per approfondire, è possibile scaricare i testi integrali.

Bianchi: educazione più che istruzione.

Le linee programmatiche. Il ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi in audizione presso le Commissioni riunite Cultura di Camera e Senato, martedì 4 maggio riferisce sulle linee programmatiche del suo dicastero, mettendo al centro le competenze e le persone, all’interno di una questione del tempo scuola che va ripensata, sostiene il Ministro. (Tecnica della Scuola)

Su altre testate

Bianchi ha poi osservato che “nei prossimi 10 anni avremo 1 milione e 400 mila ragazzi in meno”, spiegando che “avremmo quindi dovuto avere tanti insegnanti in meno” ma invece “dobbiamo uscire dalla meccanica lineare tot docenti-tot studenti”. (BlogSicilia.it)

Stiamo ragionando col Mef per capire come riconoscere titoli e merito diversi e permettere di far confluire queste persone all’interno di una visione stabile per far partire la macchina di una assunzione regolare e continua’. (Scuolainforma)

E da oggi Vittorio Lauria, uno dei quattro indagati, ha un nuovo legale. Ma nel frattempo ci sono stati i nuovi interrogatori dei quattro giovani, che sono stati sentiti su loro stessa richiesta. (Yahoo Notizie)

Scuola, Bianchi: “Tra 10 anni un milione e 400mila studenti in meno

"Al lavoro sulla stabilizzazione dei precari" Scuola, Bianchi: "Recuperare diseguaglianze e investire nell'istruzione, motore del Paese" "La pandemia ha esasperato i problemi, in particolare la dispersione. (Rai News)

La riflessione sulle linee programmatiche del suo dicastero ha messo al centro le competenze e le persone, all’interno di una questione del tempo scuola che va ripensata, sostiene il Ministro. (Tecnica della Scuola)

Perché a una diminuzione degli alunni non corrisponda a un calo anche dei docenti: “Abbiamo bisogno di prof per avere classi più piccole e aumentare il tempo scuola. Un milione e 400mila studenti in meno nei prossimi 10 anni. (Il Fatto Quotidiano)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr