Preoccupazione per l'escalation di tensione in Siria

Preoccupazione per l'escalation di tensione in Siria
Vatican News Vatican News (Esteri)

Si aggrava la preoccupazione per i civili nella provincia di Idlib, mentre risultano a rischio non soltanto il Memorandum di Sochi ma principi basilari del diritto internazionale.

La geopolitica cruenta sta avendo il meglio su quello che è il rispetto del diritto internazionale.

Se ne è parlato anche su altre testate

Siria, le impressionanti immagini dell'elicottero di Damasco abbattuto a Idlib. I ribelli siriani hanno abbattuto un elicottero del governo di Damasco nel nordovest del Paese in guerra, dove le forze armate governative sono impegnate in un'offensiva per riprendere le ultime zone in mano all'opposizione. (LaPresse)

Il diplomatico ha osservato che i recenti eventi nella provincia siriana hanno causato una isteria anti-russa nei social network turchi. Come ha sottolineato l'addetto stampa, le minacce sui social network contro l’ambasciatore sono solo accessi di rabbia ed è improbabile che le parole siano seguite da azioni. (Sputnik Italia)

La presente e futura collocazione di questo enorme numero di individui è rimasto il nodo irrisolto di tutte le trattative finora tenutesi su Idlib. L’escalation arriva in parte come una sorpresa e per comprenderne le cause ultime, e i possibili sviluppi, va analizzata attentamente. (ISPIonline)

È questo un incidente che si inserisce nel quadro delle frizioni militari esistenti in un territorio dall'alto valore strategico, e con una fitta presenza di eserciti e forze militari tra loro rivali. Erdogan ha precisato che le vittime turche a Idlib nei raid dell'artiglieria governativa degli ultimi 10 giorni sono 14. (La Repubblica)

Mercoledì, il rappresentante speciale degli Stati Uniti per l'impegno in Siria James Jeffrey ha riferito ai media turchi che Washington sostiene gli "interessi legittimi" della Turchia a Idlib. Il 3 febbraio, cinque truppe turche sono state uccise in scontri con l'esercito siriano, con la Turchia che ha risposto attaccando le posizioni dell'esercito siriano. (Sputnik Italia)

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha affermato che il suo paese farà tutto il necessario, compreso l’utilizzo di mezzi di terra e aerei per respingere l'esercito arabo siriano oltre i posti di osservazione turchi a Idlib entro la fine del mese. (Sputnik Italia)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr
Commenti