Petrolio sopra gli 80 dollari al barile, è prima volta dal 2014

Petrolio sopra gli 80 dollari al barile, è prima volta dal 2014
StrettoWeb ECONOMIA

Dopo essere balzati fino a +4%, la scorsa settimana le quotazioni del Wti corrono di oltre il 2% appunto il valore più alto in sette anni

11 Ottobre 2021 21:12. E’ la prima volta dal 2014 che le quotazioni chiudono sopra gli 80 dollari per il pezzo del petrolio. Il petrolio chiude in rialzo a New York, dove le quotazioni salgono a 80,52 dollari al barile.

E’ la prima volta dal 2014 che le quotazioni chiudono sopra gli 80 dollari. (StrettoWeb)

Ne parlano anche altri media

Comparto positivo in Europa. Con i rialzi dei prezzi, i principali titoli del settore petrolifero mostrano segni positivi a Piazza Affari. Investing.com - I estendono i rialzi delle scorse settimanali in seguito ad un aumento della domanda di carburante dovuta alle riaperture post-Covid, e alle condizioni atmosferiche in Cina. (Investing.com)

Un’inversione di tendenza dovuta agli elevati volumi di vendita potrebbe invece registrarsi qualora il petrolio greggio dovesse scendere fin sotto i 75 dollari, verso i valori di metà Settembre a 72/72,5 dollari al barile. (FX Empire Italy)

La crisi energetica innescata dalla ripresa post-pandemia ha messo in ginocchio Cina e India, con pesanti ripercussioni anche per noi. I suoi problemi interni potrebbero ripercuotersi sulla supply chain globale, rallentando la ripresa e accelerando la spirale inflazionistica. (Today.it)

Nuovi rialzi per il petrolio, per la prima volta dal 2014 chiude sopra gli 80 dollari a New York

Il riferimento internazionale si è spinto fino a 84,60 dollari lunedì 11, il massimo da tre anni, mentre l’americano Wti ha aggiornato il record da 7 anni superando 82 dollari, prima di ripiegare sotto quota 81 dollari. (Il Sole 24 ORE)

Stessa direzione del petrolio Brent, che da una settimana scambia sulla soglia (e anche oltre) degli $80 al barile. A rendere il petrolio attraente è l’attuale crisi legata a gas e carbone (Money.it)

Il greggio Brent, che funge invece da riferimento per i mercati europei, ha raggiunto gli 83,6 dollari, a sua volta con un rialzo dell’ 1,5%. E’ la prima volta dal 2014 che le quotazioni chiudono sopra gli 80 dollari. (Il Fatto Quotidiano)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr