Due o tre cose che so sulla storia dei referendum

L'HuffPost INTERNO

Quando Pannella dopo gli anni novanta in una specie di coazione a ripetere provò a lanciare raffiche di referendum, quasi sempre fallì logorando lo strumento.

Dalla sua attivazione nel 1970 l’uso del referendum abrogativo (art.75 Cost), più significativo di quello costituzionale (art.

Il suo successo è ancora una volta il segno della crisi profonda di partiti e parlamento

Il caso più clamoroso del referendum come punizione per l’inerzia dei partiti fu il ritaglio di alcune frasi del vecchio sistema elettorale proporzionale per trasformarlo in maggioritario. (L'HuffPost)

Se ne è parlato anche su altri media

Il referendum sulla Cannabis non è dunque un via libera al consumo di cannabis ma, invece, serve innanzitutto a depenalizzare il consumo di cannabis, ma anche a sensibilizzare le istituzioni riguardo quella che è una tematica sempre più sentita dalla popolazione In primo luogo si propone di depenalizzare la condotta di coltivazione di qualsiasi sostanza intervenendo sulla disposizione di cui all’art. (Libero Pensiero)

Cannabis, piovono firme. In tre giorni trecentotrentamila firme pro referendum per la depenalizzazione (a certe condizioni) dell’uso della cannabis. Risultato: referendum spid, referendum tanto veloci da rischiare di uscire di strada (Blitz quotidiano)

Condividi su. Referendum cannabis ed eutanasia: le posizioni dei partiti. Referendum cannabis e referendum eutanasia: procede a ritmo sostenuto la raccolta firme per entrambe le consultazioni, trainata dalla nuova possibilità di aderire con procedura online. (Termometro Politico)

Grazie alla procedura digitale sono già 330 mila in 3 giorni – come riporta il sito web repubblica. Nessuno avrebbe scommesso sulla voglia di referendum, e peraltro su temi scomodi – la droga e il fine vita – che i partiti tendono a giocarsi ai dadi dei veti incrociati e delle campagne elettorali (Salernonotizie.it)

Chi promuove il referendum cannabis? — La novità per quanto riguarda il referendum canapa è che oltre a firmare “fisicamente” per appoggiare l’iniziativa, si può firmare anche digitalmente (La Gazzetta dello Sport)

Se infatti le 500mila firme necessarie erano un ostacolo notevole quando si dovevano raccogliere dal vivo, per esempio organizzando banchetti nelle piazze, adesso è possibile firmare in pochi click comodamente da casa. (Rolling Stone Italia)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr