Covid-19, l'encomio di Sperlonga Turismo ai medici di base e ai volontari

Covid-19, l'encomio di Sperlonga Turismo ai medici di base e ai volontari
IlFaroOnline.it SALUTE

Ma una cosa va sottolineata con forza: l’azione silenziosa e sottotraccia, importantissima e preziosa, dei medici di base locali e dei volontari.

Nonostante il contagio ‘zero’ registrato l’anno scorso nella primissima ondata del virus, Sperlonga da fine autunno ha iniziato a registrare la presenza del virus nel Borgo.

La gente – dice il presidente di Sperlonga Turismo, Leone La Rocca – ha avuto paura, qui vivono tanti anziani. (IlFaroOnline.it)

Su altri giornali

Numeri risicati, come sottolinea Michele Fiore, il segretario del sindacato di categoria (Fimmg), perché si arrivi in tempi veloci all’immunizzazione di massa. “Sono convinto – spiega il segretario Fimmg – che sarebbe meglio fornire prima delle giuste quantità di dosi chi da sempre fa il vaccinatore (ilmessaggero.it)

E’ stata una mattina ricca di speranza quella trascorsa ieri all’ambulatorio di piazza Ponchielli a Grosseto. I medici di medicina generale ci sono. (LA NAZIONE)

Il dottor Peci guarda avanti: «La situazione contagi ora è stazionaria e secondo me rientrerà fra una decina di giorni. Il primo cittadino ha messo in guardia: «Su mia indicazione, le forze dell’ordine intensificheranno i controlli durante le festività». (L'Arena)

Covid. Falcinelli (Ordine medici Ravenna): “Medici di medicina generale vaccineranno i pazienti impossibilitati a recarsi nei punti vaccinali"

Io faccio tutte quello che posso ma sento la responsabilità sociale del mio ruolo” “E’ una corsa contro il tempo e contro il virus – afferma Tommasielli – perché quando un nostro paziente non ce la fa ci sentiamo un po’ responsabili, ci chiediamo se si poteva fare anche qualche vaccino in più, magari di notte. (LaPresse)

Un volume di vaccinazioni che vale, a Genova, 6000 dosi. Siamo in un momento cruciale, i medici sono disponibili, ci sono i vaccini, dobbiamo trovare un sistema per rendere efficace anche il nostro contributo" (La Repubblica)

“Al momento l’accordo non è ancora stato sottoscritto ma manca solo la firma e potremmo iniziare già dopo Pasqua” assicura Stefano Falcinelli, presidente Ordine dei Medici della provincia di Ravenna. Sarà sottoscritta nei prossimi giorni un’intesa tra medici di medicina generale della provincia di Ravenna e Ausl Romagna per la somministrazione del vaccino anti Covid a domicilio, per i pazienti impossibilitati a recarsi presso i punti vaccinali allestiti dall’Ausl sul territorio. (ravennanotizie.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr