Coronavirus, sui social l'ira dei cinesi contro l'Italia: «Bloccate i voli? Non torneremo più»

sport.ilmessaggero.it sport.ilmessaggero.it (Esteri)

Il senso dei commenti, diffusi su WeChat (il servizio di messaggistica onnipresente nel paese) è: l'Italia ci colpisce ora che siamo in difficoltà, ce lo ricorderemo.

Contro la decisione dell'Italia di bloccare i voli diretti a causa dell'allarme dell'epidemia del coronavirus, sta crescendo la rabbia dei cittadini cinesi.

La notizia riportata su altre testate

La carenza di forniture mediche si fa sempre più preoccupante: le mascherine sono insufficienti, così come le tute protettive. A confermarlo è la commissione sanitaria della Cina: delle 59900 tute necessarie ogni giorno, il personale sanitario di Wuhan ne hanno appena 18500. (Liberoquotidiano.it)

Malgrado sia bandita assieme con altre app straniere, come Facebook e Twitter, l'operatività di WhatsApp è stata possibile a volte anche senza l'uso di vpn, le reti virtuali che aggirano il Great Firewall della censura. (La Nuova Sardegna)

Niccolò, il giovane studente di 17 anni rimasto bloccato a Wuhan a causa della febbre per ben due volte può finalmente rientrare in Italia. La Cina ha autorizzato il volo speciale dell’Italia che rimpatrierà il giovane. (Sputnik Italia)

Il coronavirus è apparso per la prima volta a Wuhan, in Cina, a dicembre Malattia respiratoria fatale che ha infettato oltre 59.000 persone in tutto il mondo e ucciso più di 1.300 persone. Ma quest’anno, dopo lo scoppio del coronavirus, le autorità hanno deciso di estendere la vacanza in molti luoghi in circa tre settimane, lasciando milioni Per incontrarci molto tempo. (DaySicilia24)

«Il presidente Xi aveva promesso al presidente Trump che la Cina sarebbe stata aperta alla cooperazione, anche con l'Onu e l'Oms, e che avrebbe accettato il nostro aiuto. LEGGI ANCHE --> Coronavirus, vola la vendita di mascherine: più 427%, costo fino a 20 volte di più. (Il Messaggero)

Published on Feb 13, 2020. Coperta da capo a piedi, sotto questa tuta ingombrante c’è una dottoressa che, andando oltre le sue normali mansioni, sta ballando per aiutare i pazienti in quarantena a Wuhan (Fanpage.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr
Commenti chiusi.