+++Scuola: Nuova ordinanza di Emiliano: si torna a scuola, chi vuole la dad deve richiederla

+++Scuola: Nuova ordinanza di Emiliano: si torna a scuola, chi vuole la dad deve richiederla
Radionorba INTERNO

Eventuali successive istanze modificative della scelta già effettuata sono rimesse alla motivata valutazione del Dirigente scolastico”.

“Ove il collegamento- si legge ancora nell’ordinanza – non possa essere garantito immediatamente, ogni singolo istituto, nell’ambito della propria autonomia organizzativa, deve ricercare ogni altra modalità utile a consentire comunque l’attivazione della didattica digitale integrata, agli studenti le cui famiglie ne facciano richiesta”

L’ordinanza di Emiliano, che scade a fine aprile, ricalca le precedenti che prevedevano la libertà di scelta dei genitori. (Radionorba)

Ne parlano anche altri media

Anche focus, rapporti e sondaggi confermano che la DaD perdurante sta aumentando le disuguaglianze negli apprendimenti. La scuola a distanza è una scuola che si è ritirata dai corpi e non può essere testimone di verità”. (Tecnica della Scuola)

Il nuovo decreto varato dal governo infatti prevede la scuola in presenza nelle zone arancioni fino alla prima media e dalla seconda media e per tutto il ciclo scolastico delle superiori in presenza al 50%. (L'Eco di Bergamo)

Da gennaio le scuole medie «Vian» e «Nosengo» dell’Ic Parri Vian hanno a disposizione una biblioteca digitale, in un quartiere di periferia come Madonna di Campagna che non ne ha vicine Un breve capitolo al giorno, da commentare su Twitter in 280 caratteri. (Corriere della Sera)

Si Torna A Scuola, Ma In Puglia Si Potrà Scegliere La Didattica A Distanza. Leo: “Serve Un Altro Mese”

«Come un andante attivato in modo meccanico, si ritorna a proporre la scuola in presenza a prescindere da dati sui contagi o situazioni di rischio. Forse è il caso di considerare la priorità data alla scuola rispetto ad una miriade di “altri interessi” che realisticamente occupano le giornate dei nostri studenti. (BitontoLive.it)

– Dopo le vacanze di Pasqua si torna a scuola: il governo Draghi ha mantenuto le promesse, ma il governo pugliese ha emanato un’ordinanza per concedere a tutte le famiglie che lo volessero la didattica a distanza. (Corriere Salentino)

Il provvedimento è stato inviato anche al dirigente scolastico, nonché alla polizia municipale e ai carabinieri per opportuna conoscenza La decisione è stata presa dal sindaco Maria Luisa Di Tommaso e va praticamente a 'contrastare' quanto invece deciso da Draghi che aveva previsto la ripartenza delle attività in presenza dal prossimo 7 aprile. (CasertaNews)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr