Puglia, cambia ancora la gestione dei positivi in ambito scolastico

Puglia, cambia ancora la gestione dei positivi in ambito scolastico
StatoQuotidiano.it INTERNO

Foggia, 14/01/2021 – Al fine di rispettare il più possibile il bisogno della didattica in presenza e al tempo stesso di garantire la sicurezza sanitaria e di limitare il contagio da Covid, sono state aggiornate le indicazioni operative per la gestione dei contatti di casi positivi nell’ambito scolastico. Per agevolare la diagnosi, l’esecuzione dei tamponi* […]

(StatoQuotidiano.it)

Ne parlano anche altri giornali

Caso tre: se si verificano tre casi. Caso due: se si verificano due casi di positività. (Il Fatto Quotidiano)

Il rientro a scuola è possibile solo con attestazione di esito negativo del test molecolare o antigenico rapido eseguito, nei tempi stabiliti, presso una struttura della Rete regionale dei test SARS-CoV-2 Per agevolare la diagnosi, l'esecuzione dei test può essere effettuata dai pediatri o dalle farmacie della Rete regionale dei test SARS-CoV-2, su richiesta dei medici o dei pediatri. (AndriaViva)

Marilisa Mancino (Ibsen): «È stato un rientro “emergenziale”, molti assenti tra personale e studenti. Non sapevamo che il numero degli alunni positivi fosse così alto, perché non ci era stato comunicato prima della riapertura della scuola. (Il Golfo 24)

C'è un positivo in classe: cosa succede?

positivo viene sospesa l'attività didattica per 10 giorni. Con due casi positivi l'attività didattica si svolge a distanza (Dad) per 10 giorni. (SanteramoLive.it)

Grande sforzo anche per i referenti covid delle scuole e per i collaboratori dei dirigenti scolastici. Le scuole per questi allievi sono chiamate ad attivare la DAD, la didattica a distanza. (Informazione Scuola)

Al termine dei dieci giorni, con tampone antigenico negativo, si può rientrare in classe C'è un positivo in classe: cosa succede? (Prima Treviglio)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr