Missili e manette, la risposta della Cina circonda Taiwan

Missili e manette, la risposta della Cina circonda Taiwan
Più informazioni:
Il Manifesto ESTERI

Arrestato un taiwanese accusato di separatismo dopo l'incontro di Nancy Pelosi con un attivista condannato nel 2017 per sovversione.

Maxi manovre militari sullo Stretto per dimostrare a Taipei che un'invasione è possibile

(Il Manifesto)

La notizia riportata su altre testate

La visita della speaker della Camera statunitense, Nancy Pelosi, a Taipei, la capitale di Taiwan, ha scatenato l'ira della Cina e la tensione internazionale è altissima. Si profila la "Trappola di Tucidide", col rischio che le tensioni politiche sfocino in vere guerre combattute? (la Repubblica)

La visita di Pelosi a Taiwan è una palese manipolazione politica e un'evidente e grave violazione della sovranità e dell'integrità territoriale della Cina» Sanzioni a Nancy Pelosi. La Cina ha imposto sanzioni alla speaker della Camera dei rappresentanti Usa, Nancy Pelosi, per la sua visita a Taiwan, fortemente osteggiata da Pechino. (La Stampa)

Entrambe le entità statali sorte da allora continuano a sostenere specularmente di essere l'unica autorità legittima rappresentante l'intera Cina. Ma perché un'isola poco più grande della Lombardia , con 23 milioni di abitanti, è così importante per Stati Uniti e Cina? (IL GIORNO)

A Taiwan ultimatum e linee rosse: Pechino vuole imitare Mosca?

«Gli Stati Uniti si oppongono a qualsiasi sforzo unilaterale per cambiare lo status quo di Taiwan, soprattutto con la forza. I media ufficiali cinesi ricordano che si tratta «di manovre militari e d'addestramento su vasta scala» che includono lanci dal vivo di colpi di artiglieria e di missili in sei aree marittime off-limits a navigazione e sorvolo. (ilGiornale.it)

Roma, 5 ago. (askanews) – La Cina “sta cercando di isolare Taiwan”. Lo ha dichiarato la speaker della Camera dei Rappresentati Usa, Nancy Pelosi, a margine della sua visita in Giappone dove ha incontrato il premier Fumio Kishida. (Agenzia askanews)

Il presidente cinese Xi Jinping dava l'impressione di esser più propenso a voler risolvere la questione puntando sull'attesa strategica e attivando le leve economiche, che non impiegando l'uso della forza. (ilGiornale.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr