Amazon vince contro Ue, non deve pagare 250 mln di tasse

Calcio e Finanza ECONOMIA

La Corte di giustizia europea con sede in Lussemburgo ha annullato l’ordine dell’Ue nei confronti di Amazon del 2017 di pagare circa 250 milioni di euro (303,8 milioni di dollari) al Lussemburgo, per risarcimento rispetto a tasse non pagate nel Paese europeo.

Amazon vince contro l’Unione europea nella “battaglia” fiscale tra il colosso Usa del commercio elettronico e le istituzioni di Bruxelles.

Secondo la Corte Amazon non ha beneficiato di un vantaggio selettivo nel suo accordo fiscale con il Lussemburgo. (Calcio e Finanza)

Su altre testate

La motivazione è stata resa nota dal sito spagnolo confilegal.com. Il magistrato del Tribunale commerciale 17 di Madrid, Manuel Ruiz de Lara ha sollevato una pronuncia pregiudiziale alla CGUE per chiarire se vi sia abuso di posizione dominante UEFA e FIFA , entrambi beneficiari dei diritti economici televisivi e del potere di impedire l’organizzazione di altre competizioni rivali, in questo caso della Superlega (Calcio News 24)

Le questioni aperte. Tra le varie questioni poste dal giudice del Tribunale di Madrid, una si centra sugli articoli 101 e 102 del Trattato sul funzionamento dell’Unione europea (TFUE) e sulla loro interpretazione. (Il Sole 24 ORE)

Una chiave che mette a dura prova la linea di galleggiamento di Uefa e Fifa E in particolare nell'organizzazione di competizioni calcistiche e nella commercializzazione dei diritti economici derivanti da dette competizioni. (ilmessaggero.it)

La battaglia di Real, Barcellona e Juventus contro le sanzioni (la Repubblica)

Se in corsa ci sono. Nello Santin è stato intervistato in esclusiva per TorinoGranata.it. (Torino Granata)

I club ribelli cercheranno di far valere le proprie ragioni, tutelando i loro diritti nei confronti della UEFA. I club ribelli di Superlega, tra cui la Juventus, sono pronti a ricorrere alla Corte di Giustizia europea: cosa rischiano i bianconeri. (CalcioToday.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr