Oggi 5,6 milioni di bambini e ragazzi tornano a scuola. Tra i dubbi dei virologi e le incognite su trasporti,…

Oggi 5,6 milioni di bambini e ragazzi tornano a scuola. Tra i dubbi dei virologi e le incognite su trasporti,…
Il Fatto Quotidiano INTERNO

Valle d’Aosta, Piemonte, Lombardia, Emilia Romagna, Toscana e Calabria sono in fascia rossa: la scuola in presenza è solo fino alla prima media.

Stamattina 5,6 milioni di bambini e ragazzi su 8,5 milioni tornano in aula.

Seconda e terza secondaria di primo grado e superiori continuano a fare lezione da casa

A rivedere i compagni da oggi sono 832mila bambini della scuola dell’infanzia (3-6 anni), 1,5 milioni di alunni di scuola primaria e 342mila del primo anno di scuola secondaria di primo grado. (Il Fatto Quotidiano)

Su altri media

Nella giornata di oggi, mercoledì 7 aprile, aprono le porte gli istituti comprensivi Cremona 4 e Cremona 5, oltre alle scuole paritarie. Domani, invece, toccherà agli istituti Cremona 1, Cremona 2 e Cremona 3 (Cremonaoggi)

Sempre per agevolare il più possibile il passaggio all’insegnamento online, Wacom ha anche raccolto una grande quantità di informazioni e consigli utili sull’apprendimento a distanza sulla pagina dedicata Wacom per l’e-learning. (La Tecnica della Scuola)

Da oggi, mercoledì 7 aprile, anche in zona rossa tornano a scuola in presenza i bambini e i ragazzi di materne, elementari e prima media. Rientro a scuola 7 aprile: la zona arancione. Se per le zone rosse la situazione è questa, da oggi mercoledì 7 aprile le cose sono diverse per le zone arancioni, in particolare per quel che riguarda il rientro a scuola (StudentVille)

"La Dad dimostra che lo studio non è un diritto, ma è un privilegio"

Oggi i più piccoli torneranno al nido, alla scuola per l’infanzia, alla primaria e in prima media, dappertutto, anche nelle regioni rosse, salvo che in Puglia, dove pervicacemente il presidente continua rendere difficile sia la scuola in presenza sia quella a distanza, pretendendo che gli insegnanti si organizzino per fare didattica nelle due modalità in contemporanea, senza che nessuno gli dica che non lo può fare. (La Stampa)

Quasi 311 mila bambini e ragazzi domani rientrano in presenza fino alla prima media. L’assessore all’Istruzione della Regione Piemonte, Elena Chiorino, afferma che “una generazione è stata indebitata a colpi di decreto, ed è l’ora di un cambio di passo del Governo per tornare a una normalità a tempo indeterminato”. (Orizzonte Scuola)

In un sistema scolastico in cui le disuguaglianze sono già presenti, l’azione del Coronavirus peggiora ulteriormente la situazione. Quel che si prospetta è quindi un futuro incerto per un’intera generazioni di giovani, che usciranno dalla pandemia con le possibilità dimezzate e con competenze ridotte (ArezzoNotizie)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr