Le armi di Draghi, la scissione di Di Maio e le capriole di Conte

Le armi di Draghi, la scissione di Di Maio e le capriole di Conte
Start Magazine INTERNO

A spingere definitivamente Di Maio all’abbandono del movimento, peraltro da lui capeggiato nelle elezioni politiche di quattro anni fa, sembra che abba molto contribuito l’attacco ricevuto, peraltro senza neppure essere nominato, dalla capogruppo pentastellata del Senato Maria Domenica Castellone nella dichiarazione di voto sulla risoluzione della maggioranza.

Salvo ripensamenti, le indiscrezioni sulla consistenza dei nuovi gruppi consentono di prevedere che ciò che rimarrà dei gruppi parlamentari del MoVimento 5 Stelle potrebbe risultare inferiore alla consistenza della Lega di Matteo Salvini (Start Magazine)

Ne parlano anche altre fonti

Penso che molti parlamentari più che alle bollette della luce o allo sconto benzina stanno pensando alla rielezione dell’anno prossimo. Non credo alle elezioni anticipate”, ha aggiunto (Sardegna Reporter)

Matteo Salvini “Non credo alle elezioni anticipate”

Lo ha detto il leader della Lega, Matteo Salvini, ai microfoni di “Non stop news, su Rtl 102.5, in merito all’ipotesi di elezioni anticipate. Non credo alle elezioni anticipate”, ha aggiunto (Quotidiano di Ragusa)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr