Sanremo blindata per Covid, ma il Festival va avanti

Sanremo blindata per Covid, ma il Festival va avanti
Primocanale INTERNO

"Per Ventimiglia e i comuni del distretto 1 previsto anche il divieto di asporto, di assembramento e lo spostamento tra i comuni", ha specificato il governatore Giovanni Toti.

Ecco cosa cambia nel dettaglio dall'entrata in vigore ordinanza fino al suo termine: chiusura scuole di ogni ordine e grado per distretti socio sanitari 1 (Ventimiglia e altri comuni) e 2 (Sanremo e altri comuni).

Intanto proseguono le vaccinazioni dei lavoratori frontalieri, che ogni giorno passano il confine per andare a lavorare su suolo francese. (Primocanale)

Ne parlano anche altri media

Chiuse le scuole di ogni ordine e grado e degli organismi formativi di IeFP; gli Istituti di istruzione, statali e paritari, e gli organismi formativi di istruzione e formazione professionale (IeFP). Covid: boom di contagi nell’estremo ponente, presidente Toti firma nuova ordinanza restrittiva. (IMPERIAPOST)

Il presidente ligure non ha mai parlato espressamente di "zona rossa", ma di "ulteriori misure restrittive" all'interno della regione che è in zona arancione Il governatore della Liguria Giovanni Toti ha già preannunciato nuove chiusure per Ventimiglia e Sanremo. (Unione Monregalese)

Sostanzialmente, però, le differenze rispetto a quanto accadeva in precedenza sono minime, in particolare per il distretto socio sanitario Sanremese che comprende i comuni di Badalucco, Baiardo, Castellaro, Ceriana, Molini di Triora, Montalto Carpasio, Ospedaletti, Pompeiana, Riva Ligure, Sanremo, Santo Stefano al Mare, Taggia, Terzorio e Triora. (Riviera24)

Sostegno a favore dei piccoli comuni liguri, Ioculano e Sanna (Pd): «La Giunta Toti ha detto no»

Intanto proseguono le vaccinazioni dei lavoratori frontalieri, che ogni giorno passano il confine per andare a lavorare su suolo francese. ovid tra Ventimiglia e Sanremo, da oggi entrano in vigore le restrizioni. (Primocanale)

Lo scrive Charles Michel, presidente del Consiglio europeo, in una lettera ai 27 Stati membri, in vista dell’appuntamento del 25 e 26 febbraio prossimi (LaPresse) – “Credo che dovremmo continuare il nostro lavoro per definire un approccio comune ai certificati di vaccinazione”. (LaPresse)

Questo emendamento nasce con l’intento di dare la possibilità anche ai territori più piccoli di svilupparsi, chiedendo l’inserimento sul fondo di una riserva del 20% da destinare alla progettazione per i comuni al di sotto dei 5.000 abitanti. (Riviera24)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr