Marcianise, Jabil licenzia 190 dipendenti

Marcianise, Jabil licenzia 190 dipendenti
Adnkronos Adnkronos (Interno)

Il ministro del Lavoro, Nunzia Catalfo ha convocato per sabato alle 12 il tavolo con azienda e sindacati sulla vertenza Jabil di Marcianise (Ce) che oggi ha annunciato 190 licenziamenti.

"Da diversi anni a questa parte - si legge nella nota - il sito Jabil di Marcianise si è dovuto confrontare con un contesto economico sfidante, volumi in calo e risorse sotto-utilizzate.

Se ne è parlato anche su altre testate

E così la decisione di uno sciopero ad oltranza, partito appena l'azienda ha fatto sapere che avrebbe dato via da lunedì prossimo ai licenziamenti collettivi. Nonostante questi sforzi e il continuo impegno di Jabil, ad oggi si registra purtroppo un risultato deludente sulle adesioni al reimpiego, nonostante le numerose proposte ricevute, che non ci consente di risolvere il problema". (Napoli Fanpage.it)

Per approfondire:. ● Jabil rileva l’ex stabilimento Ericsson di Marcianise. ● Al Mise 158 crisi ma il rilancio non decolla (Il Sole 24 ORE)

«Queste aziende, che hanno partecipato al programma di reimpiego, hanno fatto richiesta di un numero di lavoratori maggiore rispetto ai dipendenti di Jabil in esubero. Jabil ha reso inoltre disponibili significative risorse economiche sia per i dipendenti, come incentivi all'esodo, sia per le aziende che assumeranno i dipendenti di Jabil, a supporto dei loro business plan. (La Stampa)

Published on May 23, 2020. "Non ci aspettavamo questa decisione, in pieno Covid". .Raffaele Sardo (La Repubblica)

Jabil “dalla prima analisi fatta dal ministero del Lavoro rientra nello stop delle procedure di licenziamento”, previsto dal decreto Cura Italia e poi prorogato dal decreto Rilancio. (L'HuffPost)

In vista della prossima legge di bilancio, saranno rivisti gli ammortizzatori sociali agganciandoli a robuste politiche attive per la formazione e il reinserimento”. “Le lettere di licenziamento inviate dalla Jabil sono illegittime. (La Stampa)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr
Commenti