Primo decreto Draghi: spostamenti, seconde case, alberghi. Le nuove regole

Primo decreto Draghi: spostamenti, seconde case, alberghi. Le nuove regole
Giornale di Sicilia INTERNO

A pranza o a cena stesse regole adottate quando si va al ristorante, massimo 4 o 6 persone al tavolo.

Genitori separati. Si possono raggiungere i figli minorenni "presso l’altro genitore o comunque presso l’affidatario, oppure per condurli presso di sé".

Si può andare dalle 5 alle 22 e sempre rimanendo all’interno della propria regione.

E può andare soltanto un nucleo familiare, con autocertificazione e avendo una documentazione che attesti il possesso

Le seconde case. (Giornale di Sicilia)

Ne parlano anche altri giornali

"Guardia ancora alta", per fronteggiare le varianti Covid, e misure coerenti con i dati che emergono dalle strutture tecniche. È un primo confronto: sulle indicazioni dei tecnici nelle prossime settimane Draghi intende misurare le sue decisioni. (Giornale di Sicilia)

Tra le novità del provvedimento c'è anche un divieto più stringente: il blocco agli spostamenti in zona rossa verso le abitazioni private: insomma, niente visite a parenti e amici in zona rossa. Il VIDEO. (iLMeteo.it)

Una scelta in linea con quanto sollecitato dagli scienziati che da tempo ripetono come il blocco degli spostamenti sia una delle chiavi per tentare di arginare il diffondersi delle varianti del virus. Il vecchio decreto consentiva questo tipo di spostamenti all’interno della regione in zona gialla e nell’ambito comunale in quella arancione e rossa. (lasiciliaweb | Notizie di Sicilia)

Nuovo dpcm, spostamenti, seconde case, amici: cosa si può fare?

Così il coordinatore del Cts, Agostino Miozzo, entrando a Palazzo Chigi dove il presidente del Consiglio ha convocato un vertice per fare il punto sull’emergenza covid Roma, 23 feb. (LaPresse)

RISTORANTI E TEATRI, CHI VUOLE RIAPRIRE. Fuori dalle stanze però Salvini insiste su nuove aperture. Ultimo aggiornamento: Martedì 23 Febbraio 2021, 10:40 Cambio di strategia anche per la comunicazione: un portavoce per il Cts e maggiore moderazione nei toni. (Leggo.it)

Anche se la decisione che avrebbe dovuto prevedere limitazioni ai viaggi verso le seconde case non è stata presa in considerazione. Spostamenti tra regioni, stretta sulle zone rosse: niente visite agli amici. (Il Gazzettino)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr