'La Regione non riesce a gestire le prenotazioni, molti anziani ancora da vaccinare'

'La Regione non riesce a gestire le prenotazioni, molti anziani ancora da vaccinare'
Più informazioni:
Oggi Treviso ECONOMIA

La Regione e le ULSS non hanno i database con l’età e i contatti dei cittadini?

Benvenga la vaccinazione anche in farmacia, ma a patto che venga assicurata la pronta disponibilità del medico

Senza contare gli aspetti assicurativi e deontologici che tutelano, ma anche delimitano esattamente gli ambiti delle diverse categorie professionali.

Finalmente è stato chiarito l’imbarazzante dilemma normativo se il personale sanitario possa continuare comunque a lavorare pur rifiutando di vaccinarsi. (Oggi Treviso)

Ne parlano anche altri media

La regione più avanti nell’indice regionale dei vaccini elaborato da YouTrend è il Veneto, con 76 punti su 100 (+3 rispetto alla settimana scorsa), secondo i dati settimanali aggiornati a lunedì 5 aprile. (ZMedia)

Seguono il Lazio (stabile a 73), la provincia autonoma di Trento (a 71, in calo di 9 punti) e la Toscana (a 70, in crescita di 15 punti). È ufficiale: le regioni governate dalla Lega stanno ai vaccin… - (Zazoom Blog)

Al fondo della classifica, sotto 50 punti, troviamo la Sicilia a 47, la Sardegna e la Liguria a 46, la Calabria e la Puglia a 45: tutte queste 5, con l’eccezione della Sardegna rimasta stabile, hanno peggiorato il proprio indice rispetto alla settimana scorsa. (ilsipontino.net)

“Furbetti del vaccino, la Regione sostenga le Ulss nei controlli sulla somministrazione delle dosi avanzate”

Viene poi ovviamente calcolata una media ponderata dei cinque parametri presi in considerazione che determina la graduatoria Nel secondo posto segue il Lazio stabile a 73, poi la provincia autonoma di Trento a 71, nove punti in meno rispetto alla precedente graduatoria. (Corriere dell'Umbria)

La regione più avanti nell’indice regionale dei vaccini elaborato da YouTrend è il Veneto, con 76 punti su 100 (+3 rispetto alla settimana scorsa), secondo i dati settimanali aggiornati a lunedì 5 aprile. (Corriere Quotidiano)

Così persone anziane o fragili si sono viste scavalcare senza un apparente valido motivo”. “La Regione sostenga le Ulss nei controlli sulla somministrazione di eventuali vaccini avanzati dando indicazioni chiare e univoche valide per tutti, così da evitare i casi di furbetti, più o meno in buona fede”. (Oggi Treviso)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr