Fmi, migliorano le prospettive per l’economia: “Rimbalzo più forte”

Fmi, migliorano le prospettive per l’economia: “Rimbalzo più forte”
Wall Street Italia ECONOMIA

Fmi: le previsioni sul debito italiano. Mentre migliorano le previsioni sull’andamento del Pil si alleggeriscono anche quelle sul debito pubblico italiano

L’economia globale, compresa quella italiana, si riprenderanno più in fretta rispetto a quanto previsto fino a pochi mesi fa.

Differences in access to vaccines and uneven recoveries will mean that different countries may remain in different phases for some time. (Wall Street Italia)

Su altri media

Nel 2022 l’incremento dovrebbe essere invece del 4,4%, lo 0,2% in più della previsione precedente. Lo stesso Fondo avverte però che “c’è forte incertezza sulle stime” e anche se la crescita accelera “il futuro presenta sfide difficili”. (Il Fatto Quotidiano)

I dati sono contenuti nel World Economic Outlook presentato oggi, una delle prime stime sull’Italia dopo l’arrivo del governo Draghi. Dopo il crollo del 3,3% del PIL mondiale del 2020, ora stima un rimbalzo del 6% nel 2021 e un +4,4% nel 2022. (QuiFinanza)

6 Aprile 2021. (Lettura 3 minuti). Dopo il crollo del 3,3% del PIL mondiale del 2020, ora stima un rimbalzo del 6% nel 2021 e un +4,4% nel 2022. (ilmessaggero.it)

FMI, riviste al rialzo le stime di crescita per l'Italia e a livello globale

Sedici mila miliardi di dollari di supporto fiscale da parte degli Stati hanno evitato il peggio, se così non fosse stato il conto del collasso economico sarebbe stato tre volte peggiore. (la Repubblica)

E' quanto prevede il Fmi, che rivede al rialzo anche la crescita dellaal 5,8% quest'anno e al 4,2% nel 2022 Locomotiva Usa traina ripresa mondiale Il Fondo monetario internazionale rivede al rialzo le sue stime. (Rai News)

In fondo al tunnel della pandemia globale inizia a vedersi la luce, ma la strada verso la normalità resta carica di incognite. Una corsa destinata a trainare la crescita mondiale fino a +6% per quest’anno e un +4,4% per quello del 2022 (La Stampa)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr