Draghi e la riforma del catasto, muro di Lega e Forza Italia: “No a nuove tassa sulla casa”

Draghi e la riforma del catasto, muro di Lega e Forza Italia: “No a nuove tassa sulla casa”
Velvet Mag INTERNO

Draghi e il no alle tasse sugli immobili. Non è ancora sicuro però che la delega fiscale arrivi in Cdm a breve.

Insomma, alla riforma complessiva del Fisco che Draghi vorrebbe portare in Consiglio dei ministri prima possibile, magari già in settimana.

Il tema della riforma del catasto è legato alle semplificazioni burocratico-amministrative e al calo dell’Irpef.

“Le ipotesi di riforma del catasto avanzate dalla stampa vedono la Lega assolutamente contraria” dice Alberto Bagnai, responsabile economico del patito di Matteo Salvini

Il nodo dell’aumento delle bollette. (Velvet Mag)

Ne parlano anche altre testate

Perché oltre al taglio delle tasse ci sarà da finanziare la riforma degli ammortizzatori sociali, il superamento di Quota 100 ed il rifinanziamento di superbonus ed ecobonus. La riforma del catasto, come dimostra la sollevazione capeggiata dalla Lega, sembra difficilmente praticabile, almeno con questa maggioranza. (TGNEWS24)

“Le ipotesi di riforma del catasto avanzate dalla stampa – spiegano – vedono la Lega assolutamente contraria”. “La posizione della Lega e del Parlamento sul tema è chiara: nessun inasprimento delle imposte sugli immobili, né diretto né indiretto, nessuna revisione degli estimi catastali, neanche sotto la foglia di fico della ‘parità di gettito’ (Italia Sera)

La riforma sul mattone. La riforma delle tasse sul mattone non piace a buona parte della maggioranza ma la richiesta arriva direttamente da tutti gli organismi internazionali, dalla Commissione europea all’Ocse. (AdHoc News)

Fisco, Dal Mas (Fi): “Al Governo per abbassare tasse, non per stangata IMU”

A fare la differenza potrebbe invece essere la fattura e tipologia edilizia, l'affaccio, l' «intorno», i servizi. Il valore di reddito potrebbe essere affiancato da quello medio di mercato, le molte categorie catastali potrebbero essere drasticamente semplificate, fino al punto di cancellare la separazione tra case popolari e di lusso. (Il Messaggero)

E la delega non sale sul treno del consiglio dei ministri in programma domani, dominato dalla questione Green Pass nel lavoro. (Il Sole 24 ORE)

Oggi si rispolverano antichi progetti di riforma catastale che avrebbero come conseguenza un aumento della pressione fiscale sulla casa. Eppure, nelle aree interne del nostro Paese, già oggi ci sono immobili che valgono zero, perché non hanno mercato, ma pagano centinaia se non migliaia di euro l’anno di IMU. (triestecafe.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr