“Ma dai, prof, se la prende per questo? Non sa quello che gira sui cellulari?”: bufera sugli studenti delle Medie di Caraglio

La Stampa INTERNO

«L’Italia ha posto l’età per il consenso ad iscriversi sui social a 14 anni - ricorda Curetti -.

Questo vuol dire che un ragazzo può iscriversi a Whatsapp, Tik Tok, Instagram solo se ha almeno 14 anni.

Conclude Curetti: «Tali comportamenti non possono essere tollerati, soprattutto in una comunità improntata sulla formazione dei ragazzi»

Moltissimi hanno riconosciuto di aver visto le immagini, chi sul proprio telefonino, chi su quello di compagni e amici». (La Stampa)

Se ne è parlato anche su altri giornali

Da che mondo è mondo, i ragazzi fanno “corpo”, si spalleggiano l’un l’altro, considererebbero una vergogna denunciare un compagno al mondo degli adulti, quasi inevitabilmente percepito come un avversario, ostile. (Il Sussidiario.net)

Un ragazzino disegna una svastica sul diario, ma il professore se ne accorge e lo riprende: “Lo sai, almeno, cosa significa?”. Così scattavano foto a insegnanti e compagni, durante le lezioni in Dad ma anche in presenza, pubblicandole poi sui gruppi social modificate con “scopi denigratori e accompagnate da parolacce, insulti, pesanti allusioni sessuali“. (Luce)

Anni intensi, da cui sono nate amicizie durature, carriere importanti, affetti consolidati, conoscenze positive. (InfoVercelli24.it)

Pubblicano sui social foto ritoccate di compagni e insegnanti, sospesi 300 alunni

Hanno scattato foto di nascosto a insegnanti e compagni, durante la dad o in classe, pubblicandole poi sui gruppi social modificate con "scopi denigratori e accompagnate da parolacce, insulti, allusioni sessuali,". (Alto Adige)

E proprio nel Partito Democratico di Sinistra, è stato anche assessore nominato dal sindaco Francesco Maria Cucolo nella sua prima giunta. Sto parlando di Gigi Perfetto, docente di matematica e dirigente scolastico, ma anche appassionato di politica, militante del PCI, PDS, DS, PD. (TorreSette)

Pubblicano sui social foto ritoccate di compagni e insegnanti, sospesi 300 alunni. Cuneo - Le avevano scattate di nascosto durante la dad o le lezioni in classe e le avevano modificate con parolacce, insulti e allusioni sessuali (Tuscia Web)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr