Salvini a Mondragone, contestazione contro il leader Lega e tensioni

Il Mattino Il Mattino (Interno)

Un manifestante ha preso di mira il coordinatore regionale Molteni.

LEGGI ANCHE Coronavirus, a Mondragone striscioni contro Salvini: «Non sei benvenuto». In circa 20 reggono uno striscione con la scritta «Salvini sciacallo, Mondragone non è una passerella», mentre a pochi metri sono presenti Nicola Molteni, coordinatore regionale della Lega in Campania, il deputato del Carroccio Gianluca Cantalamessa e l'esponente della Lega Aurelio Tommasetti, ex rettore dell'Università di Salerno

Se ne è parlato anche su altri giornali

Detto questo, tornerò con ancora più grinta a Mondragone entro una settimana». Vediamo se i campani sceglieranno De Mita, De Luca e Mastella o se proveranno a cambiare». (Il Mattino)

Published on Jun 30, 2020. Camicia e capelli bagnati per Matteo Salvini, colpito a più riprese con lanci d'acqua mentre parlava alla folla dal palchetto allestito nel gazebo di Mondragone. (La Stampa)

Le dimissioni sono arrivate con una lettera, indirizzata al segretario provinciale Mastroianni: "Ti comunichiamo le nostre irrevocabili dimissioni da coordinatori cittadini ed esponenti della Lega. (CasertaNews)

“La Lega – dice l’ex ministro dell’Interno - darà le case a chi le merita e il lavoro a chi lo merita e libererà Mondragone dai rom”. E invece qui ognuno ha la propria fetta di responsabilità. (L'HuffPost)

Fotogramma. "Salvini a Mondragone dovrebbe chiedere scusa. Per aver insultato il Sud, per i Decreti sicurezza e per aver attaccato la legge sulla regolarizzazione dei migranti". (Adnkronos)

Certo aggiunge «non sapevo che per venire a Mondragone servisse l'ok dei centri sociali. I centri sociali sono stati allontanati da polizia e carabinieri in assetto anti sommossa con una carica. (ilGiornale.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr