Corte Ue: "Sì al divieto del velo sul luogo di lavoro"/ "Prevenire conflitti sociali"

Corte Ue: Sì al divieto del velo sul luogo di lavoro/ Prevenire conflitti sociali
Il Sussidiario.net ESTERI

"Stalking non è più aggravante femminicidio"/ Ma non è vero: cos'ha deciso Cassazione. CORTE UE: “SÌ AL VELO VIETATO SUL LUOGO DI LAVORO”. La Corte Ue, nella sua sentenza, ha puntualizzato inoltre che il fatto di indossare segni o indumenti per manifestare la religione o le convinzioni personali “rientra nella libertà di pensiero, di coscienza e di religione”.

Come ricordano i colleghi de “Il Dubbio”, in una sentenza del 2017 il tribunale europeo di Lussemburgo aveva stabilito che i datori di lavoro possono proibire ai dipendenti di indossare hijab e altri evidenti simboli religiosi in determinate circostanze

Nel riconciliare i diritti e gli interessi in gioco, i tribunali nazionali possono tenere conto del contesto specifico dei loro Stati membri e, in particolare, di garanzie nazionali più favorevoli della protezione della libertà religiosa”. (Il Sussidiario.net)

Su altri media

Le due ricorrenti, impiegate presso società di diritto tedesco, una come educatrice specializzata e l'altra come consulente di vendita e cassiera, indossavano un velo islamico sul luogo di lavoro. Fornito da Avvenire. (Notizie - MSN Italia)

Per la Corte europea dunque è possibile il licenziamento di un dipendente che porti il velo in determinate condizioni come quella sopracitata e solo in caso di reali esigenze avvertite dai responsabili Il tutto era stato portato davanti ai giudici della Corte europea ai quali si erano appellate le musulmane per la tutela della loro libertà religiosa garantita dal diritto europeo. (La Voce di Bolzano)

Niente da fare; le donne non avevano voluto togliersi il velo in servizio e per questo erano state sospese. Le motivazioni della sospensione non erano infatti il velo in quanto velo islamico bensì il velo in quanto simbolo religioso in un ambiente che doveva essere neutrale. (la VOCE del TRENTINO)

Islam, la Corte Ue: il velo può essere vietato alla lavoratrice. Ma dev'esserci «esigenza reale»

Non è illegale mettere al bando sul posto di lavoro il velo islamico, la croce cristiana o i simboli politici, basta che vengano vietati tutti e non si facciano figli e figliastri. Un divieto che, secondo i giudici europei, trova legittimazione se motivato dall’esigenza di “presentarsi in modo neutrale nei confronti dei clienti o di prevenire conflitti sociali”. (EuropaToday)

Cosa afferma la sentenza della Corte Ue. In realtà la sentenza non riguarda solamente il velo islamico, ma si occupa di "qualsiasi forma visibile di espressione delle convinzioni politiche, filosofiche o religiose". (Fanpage.it)

Lo stabilisce la Corte di Giustizia dell'Ue, in una sentenza che riguarda la vicenda di due dipendenti di società tedesche, che hanno indossato il velo lavorando, una in qualità di educatrice specializzata, l'altra di consulente di vendita e di cassiera. (ilgazzettino.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr