Nato: Biden vedrà Putin? Dialogo con Russia non è segno debolezza

Nato: Biden vedrà Putin? Dialogo con Russia non è segno debolezza
Tiscali.it ESTERI

Così il segretario generale della Nato Jens Stoltenberg dopo aver incontrato il presidente degli Stati Uniti Joe Biden, che deve incontrare il suo omologo russo Vladimir Putin a Ginevra a metà mese.

Una Russia responsabile di azioni aggressive contro i vicini, la Cina che costringe i vicini e investe pesantemente in nuove capacità militari, minacce informatiche: vediamo sempre più attacchi informatici, sofisticati e frequenti, contro gli alleati della NATO"

Stoltenberg spiega che "anche se non crediamo in un rapporto migliore con la Russia, dobbiamo gestire un rapporto difficile". (Tiscali.it)

Se ne è parlato anche su altre testate

Mentre sono sei gli stati del sud e del mid west che sono al 50% e difficilmente arriveranno al 70% Anche se ormai da settimane le vaccinazioni sono aperte a tutti gli americani dai 12 anni in su. (ilgazzettino.it)

Notizie Geopolitiche –. Trump, che aveva ritirato gli Usa anche dall’Inf (imponeva la drastica riduzione degli arsenali nucleari presenti sul suolo europeo), aveva adottato una retorica pungente nei confronti di Mosca accusandola di non rispettare i trattati, cosa vera solo a metà, dal momento che neppure Washington ne aveva tenuto conto inviando di continuo aerei spia a sorvolare il territorio russo. (Notizie Geopolitiche)

Mercoledì il presidente degli Stati Uniti Joe Biden si reca in Europa per rassicurare i suoi alleati e mostrare fermezza nei confronti della Russia, una visita che include un vertice del G7, uno con l’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico (NATO) e un altro con l’Unione europea, prima di un incontro con il suo russo controparte Vladimir Putin (Flamina&dintorni)

Il cielo sopra Putin - Strategie & Regole

La scelta clamorosa dell’ex presidente Donald Trump fu motivata col fatto che non sono stati raggiunti progressi significativi nella rimozione degli ostacoli che impediscono la continuazione del trattato (AVIONEWS - World Aeronautical Press Agency)

Per fare chiarezza, l'uscita della Russia dal trattato è avvenuta dopo che l'attuale amministrazione Biden aveva dichiarato che gli Stati Uniti non sarebbero rientrati nel patto per il controllo degli armamenti nucleari, abbandonato durante l'amministrazione Trump. (Antimafia Duemila)

Entrato in vigore nel 2002, conta 33 paesi membri, ora divenuti 32 con l’uscita di Mosca. Il presidente russo Vladimir Putin ha firmato la legge per ritirare ufficialmente la Russia dal Trattato sui cieli aperti (Open Skies), che ha l’obiettivo di promuovere la trasparenza sulle attività militari condotte dai paesi membri secondo il concetto dell’osservazione aerea reciproca. (quoted business)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr