Bce, mano ferma sugli acquisti

Bce, mano ferma sugli acquisti
Milano Finanza ECONOMIA

La Bce mantiene la «mano ferma» sullo stimolo all’economia dell’Eurozona, come ha detto ieri la presidente Christine Lagarde al termine del consiglio direttivo.

Secondo l’agenzia Mni, la materia sarà con ogni probabilità discussa dai membri Bce in un ritiro che inizierà il 18 giugno

Ieri Lagarde ha detto che il consiglio direttivo non ha discusso il post Pepp: «Troppo presto, non è necessario farlo adesso». (Milano Finanza)

Ne parlano anche altri media

Francois Villeroy de Galhau, governatore della banca centrale francese e membro Bce. Kiyoshi Ota/Pool via REUTERS. PARIGI (Reuters) - L'inflazione è in aumento nella zona euro ma resta al di sotto dell'obiettivo della Banca centrale europea, che deve proseguire con la politica monetaria accomodante. (Investing.com)

15.33 Conferenza terminata Christine Lagarde ha risposto alle domande e terminato la conferenza. 15.28 Dibattito su PEPP Lagarde ha affermato che ci sono opinioni divergenti sul PEPP, ma alla fine decisione condivisa. (Money.it)

Negli Stati Uniti l’inflazione a maggio è cresciuta del 5% annuo, l'aumento più alto da quasi 13 anni, che ha seguito l'incremento di aprile del 4,2. I dati dagli Usa mostrano un aumento dei prezzi in forte aumento. (Sky Tg24 )

Inflazione sale ma sotto target Bce, continuare con politica accomodante - Villeroy Da Reuters

La BCE continuerà inoltre a fornire liquidità nel sistema a sostegno di banche, imprese e famiglie, al fine di raggiungere gli obiettivi di inflazione definiti dal programma post pandemia. (Yahoo Finanza)

13.51 Comunicato BCE “Nella riunione odierna il Consiglio direttivo ha deciso di confermare l’orientamento molto accomodante della sua politica monetaria. Infine, il Consiglio direttivo continuerà a fornire abbondante liquidità attraverso le sue operazioni di rifinanziamento. (Money.it)

L’economista teme d’altronde che l’inflazione Usa possa confermarsi superiore al 4% fino al primo trimestre del 2022, a fronte di un’inflazione core che è improbabile che scenda sotto il 3% fino al secondo trimestre dell’anno prossimo” L’inflazione non è un problema, anzi è ancora molto lontana dall’obiettivo della Bce (poco al di sotto del 2%). (Finanzaonline.com)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr