Brunetta: “Con la riforma della P.A. subito 25 miliardi dall’Ue”

Brunetta: “Con la riforma della P.A. subito 25 miliardi dall’Ue”
Nebrodi News INTERNO

“Negli ultimi giorni abbiamo approvato due decreti che rappresentano, come li definisco io, i pilastri del Recovery: la governance e le semplificazioni amministrative nel primo provvedimento, e il reclutamento del capitale umano, nel secondo.

Questi due decreti ci aprono non solo la cassaforte dei soldi, perchè ci permetteranno di ricevere tra luglio e agosto i primi 25 miliardi del piano europeo, ma soprattutto ci aprono la cassaforte della credibilità”. (Nebrodi News)

Su altre fonti

“Abbiamo rispettato – ha spiegato – i tempi dettati dall’Unione europea per le prime tre riforme. "Siamo quasi in boom economico senza aver ancora speso un euro del Pnrr". (Quotidiano di Sicilia)

Sbloccato quindi il turn-over nella pubblica amministrazione, che, spiega Brunetta, con questo decreto “riprende al 100%. Ventiquattro mila assunzioni a tempo determinato per la pubblica amministrazione, 500 saranno destinate a profili in grado di rendicontare le spese del piano di ripresa e resilienza e 405 addetti informatici. (L'agone)

Il Dipartimento della Funzione pubblica ha già programmato i concorsi con modalità semplificate per l’assunzione di 6.303 unità La riforma della Pubblica Amministrazione rappresenta una delle più ardue sfide per il Governo Draghi e, in attesa che l’UE dia il via alle risorse previste per il PNRR, nel testo si parla di altri percorsi di reclutamento, oltre a quello ordinario del concorso. (Redazione AriaMediterranea)

Decreto Brunetta: come cambia la Pubblica amministrazione

Significa che in quattro o cinque anni avremo un impatto di mille miliardi sulla nostra economia e sul nostro Pil…” “Abbiamo rispettato – ha aggiunto – i tempi dettati dall’Unione europea per le prime tre riforme. (L'Aquila Blog)

I primi assunti con le procedure semplificate, previste dal decreto legge ‘reclutamento’, saranno al lavoro “entro l’estate”. Fonte: AdnKronos (Cosenza Channel)

Le figure reclutate saranno ripartite con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri, adottato su proposta del Ministro dell’economia e delle finanze, tra le amministrazioni centrali titolari degli interventi. (L'agone)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr