Prima dose somministrata a 2.500 anziani

Prima dose somministrata a 2.500 anziani
il Resto del Carlino SALUTE

In tanti stanno chiedendo, al momento della prenotazione, come poter vaccinare gli over 85 disabili o comunque con seri problemi di mobilità, e quindi non trasportabili

In Romagna da martedì, primo giorno della campagna vaccinale partita per gli over 85, a sabato, è già stata somministrata la prima dose a oltre 8.200 anziani.

Fa eccezione Rimini che ha la capacità di vaccinare oltre 400 persone al giorno. (il Resto del Carlino)

Se ne è parlato anche su altri giornali

Sale a quota 365mila invece il numero di ospiti nelle Rsa, con gli over 80 che invece hanno superato le 246mila unità. Nel documento finale redatto dopo l’incontro si legge che “Il meccanismo sta andando troppo a rilento, il problema adesso risiede nell’approvvigionamento delle dosi, che dipende dal Governo” (Il Sussidiario.net)

Nella “vetrina virtuale” di uno di questi siti, strutturato in modo simile a una piattaforma di e-commerce, oltre a essere promosse e pubblicizzate svariate tipologie di beni prodotti e/o distribuiti da terzi, tra cui anche molti afferenti al settore sanitario, favorendo dunque l’incontro tra domanda e offerta, erano presentati anche sette asseriti vaccini per il Covid-19 potenzialmente acquistabili anche da utenti connessi dal territorio nazionale. (RIFday)

Gli over 80, o meglio gli anziani che hanno tra gli 80 e gli 89 anni, figurano al quinto posto con 363.161 somministrazioni di vaccino. Se invece si guarda ai vaccini finora somministrati, il rapporto cresce: su 3.497.825 dosi inoculate, gli over 80 che hanno avuto quantomeno la prima dose sono il 7%. (Il Gazzettino)

I protocolli anti-Covid sono aperti ad aggiornamenti

Ci è sembrato opportuno cominciare e ora aspettiamo che la situazione migliori con il supporto dei medici di base». «Bisogna assumere personale». Ospite questa mattina anche Sandro Sposato, presidente dell’ordine degli infermieri di Cosenza. (Corriere della Calabria)

"Dal 18 febbraio sono iniziate le prenotazioni per i docenti e per il corpo scolastico di scuole e università. "Da metà marzo, invece, si procederà con la vaccinazione dei detenuti e del personale della polizia penitenziaria, sempre sfruttando l'AstraZeneca. (AgoraVox Italia)

I protocolli anti-Covid sono aperti ad aggiornamenti Viene lasciata al datore di lavoro la possibilità di ricorrere all’utilizzo di test antigenici quale ulteriore salvaguardia del posto di lavoro. (7GrammiLavoro)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr