Codacons, truffa dei falsi coupon COME RICONOSCERLA

Codacons, truffa dei falsi coupon COME RICONOSCERLA
Prima Lecco SCIENZA E TECNOLOGIA

Il Codacons lancia una nuova allerta truffa, sempre su Whatsapp, ma questa volta i protagonisti sono dei falsi coupon di alcuni marchi noti.

Utilizzano illecitamente marchi come Zara, H&M, MediaWorld, Euronics, Expert.

La truffa del codice a sei cifre non è più una novità e i truffatori si rendono sempre più scaltri; utilizzando nome di marchi famosi spacciano falsi coupon del valore non inferiore ai 200 euro, per attirare i consumatori al fine di fargli compilare un modulo, con la promessa del buono. (Prima Lecco)

La notizia riportata su altri media

L’ultimo trucco in circolazione nelle chat di migliaia di italiani, prevede una falsa pubblicità di coupon con lo scopo di rubare i dati personali. “Abbiamo intenzione di implementare nuove funzioni, del tutto facoltative, per chattare e fare acquisti con le aziende su WhatsApp (QuiFinanza)

Whatsapp: il trucco dei falsi coupon. Come anticipato, negli ultimi giorni gli utenti WhatsApp hanno segnalato una nuova truffa che riguarda proprio l’app di messaggistica. Sono giunte delle nuove segnalazioni da parte degli utenti di WhatsApp, i quali hanno riscontrato un nuovo tipo di raggiro da parte di truffatori e malintenzionati. (Altranotizia)

Come avviene la truffa. leggi anche. Nuova informativa privacy WhatsApp: nuova scadenza il 15 maggio. (Sky Tg24 )

Privacy Whatsapp. E’ caos sulle nuove regole da maggio

“Potrai comunicare con più aziende tramite WhatsApp per ottenere un riscontro più immediato che per telefono o email. WhatsApp, nuova informativa. Un po’ come accade nel database di Facebook, anche con WhatsApp è possibile scaricare tutti i dati raccolti dall’azienda, ecco come si fa: Vai nelle Impostazioni di WhatsApp > Account > Richiedi informazioni sull’account. (InvestireOggi.it)

Per farlo occorre, pertanto, il codice a sei cifre e l’hacker tenta di farselo consegnare dall’unica persona che può fornirglielo: il proprietario dell’account, la vittima. Ed è proprio questo raggiro che trae in inganno le vittime del codice a sei cifre. (Gazzetta del Sud)

Nuove regole dal prossimo mese di maggio per la privacy su Whatsapp. Le nuove regole riguardano la protezione della privacy e delle conversazioni personali attraverso la crittografia end-to-end (BlogLive.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr