Vaccino dopo Covid: si deve fare la seconda dose?

Vaccino dopo Covid: si deve fare la seconda dose?
Filodiritto SALUTE

La Circolare distingue i casi di somministrazione entro i 14 giorni dall'inoculazione oppure dopo i 14 giorni previsti.

Resta inteso che l’eventuale somministrazione di una seconda dose non è comunque controindicata; ciò vale anche per i soggetti guariti, in precedenza non vaccinati, che hanno ricevuto una sola dose di vaccino dopo l’infezione da SARS-CoV-2

Se invece l'infezione sia sopraggiunta dopo i 14 giorni dal vaccino, basta una dose sola, dal momento che la stessa infezione viene considerata come "equivalente alla somministrazione della seconda dose". (Filodiritto)

Ne parlano anche altri media

A definire i destinatari della terza dose è una circolare del ministero della Salute, cui ha fatto seguito, oggi stesso, una comunicazione dell’assessorato regionale alle Politiche per la Salute che ha chiarito alle Aziende sanitarie ulteriori aspetti di natura operativa. (News Rimini)

I soggetti potrebbero non essere completamente protetti fino a 7 giorni dopo la seconda dose del vaccino. Tale utilizzo non è compreso nelle indicazioni del vaccino, ma l’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA), a seguito della Circolare del Ministero prot. (La Pressa)

Si potrà utilizzare come dose addizionale uno qualsiasi dei 2 vaccini mRNA autorizzati: Pfizer per i pazienti over 12 e Moderna per i pazienti over 18 Leggi anche > No vax e antiabortista muore di Covid: «Sosteneva che il vaccino fosse prodotto con i feti morti». (leggo.it)

L'Ausl convoca le persone che riceveranno la terza dose di vaccino

Si userà vaccino a m-RNA. Al momento, in base alle indicazioni del CTS, precisa la circolare, "si considera prioritaria la somministrazione della dose addizionale nei soggetti trapiantati e immunocompromessi". (Tiscali Notizie)

Nel testo si legge anche la distinzione tra “dose addizionale” e “dose booster”. Dalla prossima settimana, anche Regione Lombardia avvierà la terza fase della campagna di vaccinazioni. (LegnanoNews.it)

A definire i destinatari della terza dose è una circolare del ministero della Salute, cui ha fatto seguito, oggi stesso, una comunicazione dell’assessorato regionale alle Politiche per la Salute che ha chiarito alle Aziende sanitarie ulteriori aspetti di natura operativa. (IlPiacenza)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr