Ast-Arvedi, fabbrica in agitazione: “No a facili trionfalismi e annunci da campagna elettorale, serve un piano industriale”

TerniToday ECONOMIA

Perché le organizzazioni dei lavoratori stigmatizzano i “facili trionfalismi” e soprattutto gli “annunci da campagna elettorale” che sono arrivati “in modo particolare delle istituzioni locali e nazionali.

E il messaggio è piuttosto chiaro: “Inopportuni i facili trionfalismi, si presenti il più rapidamente possibile il piano industriale dell’acquirente”.

Al centro del tavolo di confronto l’annuncio della vendita di viale Brin da parte di Thyssenkrupp ad Arvedi. (TerniToday)

Su altre fonti

Thyssenkrupp esaminerà una possibile partecipazione di minoranza al nuovo gruppo Ast che dovrebbe essere guidato dall’imprenditore cremonese Giovanni Arvedi. La transazione è soggetta all'approvazione del Consiglio di sorveglianza della Thyssenkrupp e all'autorizzazione dell'autorità antitrust europea. (Il Manifesto)

Arvedi inizia a Cremona la sua avventura a 27 anni, ma negli anni ’90 le strade si dividono. Nella parabola di Arvedi possiamo invece leggere la storia dell’acciaio italiano e trarne qualche indicazione (vagamente inquietante) per il futuro. (Domani)

Con la cessione del sito di Terni al Gruppo Arvedi, l’Ast torna dopo anni in mani italiane. La transazione comprende il perimetro totale di Acciai Speciali Terni più due “centri commerciali” presenti in Germania e in Turchia. (Startmag Web magazine)

In questi giorni l' esecutivo Draghi sta proseguendo su quella strada, con l' intenzione di rilevare il 49% della proprietà. Taranto, Piombino e Terni sono esempli calzanti di quanto sia strategico per un Paese governare la sua filiera dell' acciaio (Tiscali Notizie)

Soddisfatto l’ottuagenario fondatore del gruppo, il Cavaliere Giovanni Arvedi, secondo cui “l’operazione rappresenta un rafforzamento del Gruppo Arvedi in quanto ne completa, in una sinergia industriale, il mix produttivo. (Startmag Web magazine)

Il sindaco Latini: ho parlato con Arvedi mi ha detto che vuole il bene dell’azienda, dei lavoratori e della città. https://terninrete.it/notizie-di-terni-la-ast-torna-in-mani-italiane-le-reazioni-il-sindaco-latini-ho-parlato-con-arvedi-mi-ha-detto-che-vuole-il-bene-dellazienda-dei-lavoratori-e-della-citta/ Preoccupa la situazione al Tubificio mentre si richiede la ripresa del confronto al Ministero dello Sviluppo Economico e si decide di proclamare lo stato di agitazione dei lavoratori. (Terni in rete)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr