Wall Street: futures Nasdaq giù, rassicurazioni Powell non bastano ai tecnologici. Energetici boom, +27% da inizio anno

Finanzaonline.com ECONOMIA

Il Nasdaq – arrivato a crollare fino a -4% – è riuscito a chiudere alla fine con un ribasso limitato a -0,5%.

La pressione sui prezzi, ha sottolineato Powell, rimane per lo più contenuta, a fronte di un outlook sull’economia ancora “molto incerto”.

D’altronde, dall’inizio dell’anno i tassi sui Treasuries decennali sono volati di ben 27 punti base, fino ad avvicinarsi alla soglia dell’1,4%

Incertezza a Wall Street, dopo il bagno di sangue della vigilia accusato nei minimi intraday, che è stato evitato nel finale. (Finanzaonline.com)

Ne parlano anche altre fonti

Il Nasdaq è salito nell’ultimo anno esattamente con lo stesso ritmo di crescita – in gergo tecnico momentum – che aveva nel famigerato 2000. Ormai non esiste quasi più azienda che non necessiti di questi fondamentali componenti, in particolare tutte le aziende tecnologiche del Nasdaq che ovviamente vivono proprio grazie ai semiconduttori. (il Giornale)

Ancora peggio è andata a Tesla, che con un calo dell’8,06% a 682 dollari, cancella tutti i guadagni dell’anno 2021. I titoli di Stato e la paura dell’inflazione Tensione anche sul mercato dei titoli di Stato. (Corriere della Sera)

Sul fronte dei dati macro, intanto, le spese personali per consumi negli Usa sono cresciute del 2,4% a livello mensile a gennaio, stracciando il consenso degli economisti che si aspettavano un aumento dello 0,5%. (Milano Finanza)

Secondo De Luca "nelle scorse settimane e nei mesi passati in Italia c'è stato un grande e irresponsabile vuoto, e cioè il controllo del Paese. "Abbiamo registrato in queste ore, in particolare nelle scuole di Napoli - ha spiegato De Luca - la presenza di variante inglese, credo sui positivi almeno 6 casi di variante inglese. (Yahoo Finanza)

Una fotografia di questo clima la fornisce l'andamento dei 'Gafam', le 5 principali big tech quotate a Wall Street: Google (Aplhabet) ha perso il 3,06%, Apple del 3,47%, Facebook del 2,5%, Amazon del 3,21%, Microsoft dell'2,46% Il Dow Jones Industrial Average è sceso dell'1,8% chiudendo a 31.402 punti base, allontanandosi dai massimi storici toccati mercoledì. (AGI - Agenzia Italia)

Le più forti vendite, invece, si manifestano su Home Depot, che prosegue le contrattazioni a -2,90%. Al top tra i colossi tecnologici di Wall Street, si posizionano Tripadvisor (+8,56%), Tesla Motors (+5,41%), American Airlines (+5,03%) e Western Digital (+4,21%). (QuiFinanza)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr