Borse europee deboli aspettano inflazione USA, tiene Milano

Borse europee deboli aspettano inflazione USA, tiene Milano
Approfondimenti:
MPS
Borsa Italiana ECONOMIA

Euro / Dollaro USA. oro. Francoforte. Londra. Parigi. Stellantis. (Teleborsa). (Teleborsa) - In un panorama europeo negativo, si registra, che conquista la maglia rosa in Eurolandia.

Gli investitori nel Vecchio Continente si muovono con cautela in attesa di maggiori indicazioni dall'inflazione americana, dato che sarò pubblicato nel pomeriggio di oggi, in vista della riunione della Federal Reserve la prossima settimana. (Borsa Italiana)

Se ne è parlato anche su altri giornali

C'è chi, come il pool di economisti di Pantheon Macro, ha già fatto saltare i tappi di champagne. Il dato del mese scorso dell'inflazione mette probabilmente meno pressione alla Fed, ma non ne cambierà la rotta e non indurrà le colombe a pretendere di temporeggiare ancora prima di avviare il processo di normalizzazione (ilGiornale.it)

SALGONO INDIA E COREA, IN LIEVE RIALZO I FUTURES USA. E, non a caso, la novità coincide con le richieste dei democratici Usa di alzare le tasse per finanziare infrastrutture e transizione ambientale. (FIRSTonline)

Le Borse europee si muovono in ordine sparso intorno alla parità in attesa del dato sull’inflazione negli Stati Uniti che verrà diffuso nel primo pomeriggio italiano. Secondo gli analisti, il dato di agosto negli Usa dovrebbe essere in linea con il precedente, con il rialzo guidato ancora una volta soprattutto dalla componente energetica ed alimentare (Wall Street Italia)

Usa, aspettative consumatori su inflazione più alte dal 2013 - Fed New York Da Reuters

Gli analisti si attendono un rialzo su base mensile dello 0,4% e una conferma del 5,4% su base annuale registrato nei due mesi precedenti. Bene Milano, che dopo i guadagni della vigilia e la migliore a +0,7%. (la Repubblica)

Su base mensile, il dato è cresciuto dello 0,3%, meno del +0,4% stimato e in rallentamento rispetto al +0,5% di luglio. Escluse le componenti più volatili rappresentate dai prezzi dei beni energetici e alimentari, l'indice dei prezzi al consumo core è salito del 4% su base annua, meno del +4,2% atteso e meno anche del +4,3% di luglio. (Finanzaonline.com)

(Tradotto da Agnese Stracquadanio in redazione a Danzica, in redazione a Milano Sabina Suzzi) I funzionari della Fed stanno monitorando attentamente le aspettative di inflazione, cercando di valutare se le pressioni sui prezzi innescate dalla pandemia di coronavirus passeranno o avranno effetti più duraturi sull'economia. (Investing.com)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr