Dacia, l’elettrico può attendere

Dacia, l’elettrico può attendere
FormulaPassion.it ECONOMIA

Il numero uno di Boulogne-Billancourt ha poi dettagliato i piani per il futuro di Renault, lasciando una porta aperta per le propulsioni tradizionali.

Il cosiddetto “piano B”, come lo stesso CEO della Losanga l’ha definito, facendo poi riferimento anche a Dacia che diventerà elettrificata “all’ultimo momento possibile”, preservando dunque quel concetto di value for money che ha spinto il brand ai vertici del mercato europeo. (FormulaPassion.it)

La notizia riportata su altri media

A tal proposito, soprattutto per una questione di prezzi, Dacia proseguirà a offrire anche modelli con motori endotermici dopo il 2030 “Renault nel 2030 sarà al 100% elettrica, in Europa”. (Auto.it)

Renault vanta già alcuni modelli di auto ibride o elettriche, come per esempio Dacia Spring, una citycar che ha registrato dei buoni volumi di vendite sia in Italia che nel resto d’Europa. C’è grande attesa per due modelli che saranno disponibili per l’acquisto entro il 2025: Renault 4 e Renault 5, il cui design dovrebbe riprendere quello di alcune vetture che hanno segnato la storia del marchio francese (Money.it)

Eppure De Meo ha indicato delle condizioni affinché questo passaggio totale all’elettrico possa avvenire. Nessuna vettura della casa francese sarà prodotta con il propulsore a benzina o diesel ed è stato lo stesso amministratore delegato del marchio transalpino, Luca De Meo, a rivelarlo, indicando anche la data del cambiamento epocale. (AutoMotoriNews)

Addio Motori Renault (in strada per l’Europa): tra 8 anni solo elettriche tranne le Dacia

L’annuncio di De Meo porta Renault ad allinearsi ad altri marchi che diventeranno ugualmente solo elettrici, come ad esempio Peugeot, Fiat, Opel, Ford e Volvo. Dal 2030, in Europa, non si potranno acquistare vetture Renault a benzina, a gasolio o ibride. (FormulaPassion.it)

Ma l’Europa vuole davvero dire addio alle auto diesel, benzina, metano, Gpl e ibride plug-in; restrizioni che riguardano tutti i settori produttivi ma ovviamente un cambiamento radicale per il comparto automobilistico Ma è vero anche che l’amministratore delegato Luca De Meo abbia deciso di porre delle condizioni e dei limiti ben precisi alla decisione di dire addio definitivamente ai motori a combustione. (Virgilio Motori)

Sono quelli che si troveranno dal 2030 su tutte le vetture della Casa Si salvano, o meglio dire salvano per certi casi, le Dacia. Motori semplici delle R4, motori anche spinti delle R5 in versione “pericolo di morte”. (Automoto.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr