Coronavirus, solo 6 vittime in Italia: è il minimo dall'1 marzo. Un contagio in Sicilia

Coronavirus, solo 6 vittime in Italia: è il minimo dall'1 marzo. Un contagio in Sicilia
Gazzetta del Sud Gazzetta del Sud (Interno)

Solò 126 casi contagio in più e soprattutto 6 vittime in un giorno, il minimo dall’1 marzo quando ce ne furono 5.

Sono oltre 1000 i tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore.

I casi totali di coronavirus nel nostro Paese sono diventati 240.436: 78 di quelli registrati nelle ultime 24 ore (il 62%) riguardano la Lombardia

Su altri giornali

Un nuovo caso di contagio in Sicilia nelle ultime 24 ore e nessun decesso, sono i dati di oggi sul Coronavirus. Oltre 1000 i tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore. (ragusah24.it)

Si scopre così che sulla sua testa pende un ordine di carcerazione per un furto commesso a Palermo e scattano le manette. Play Replay Play Replay Pausa Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio Indietro di 10 secondi Avanti di 10 secondi Spot Attiva schermo intero Disattiva schermo intero Skip Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi. (PalermoToday)

Gli attuali positivi, come comunicato dalla Regione alla Protezione civile, attualmente, sono 127 (meno 3 rispetto a domenica), per un totale di 3.078 (329 con attività di screening diagnostico). Un nuovo caso di contagio in Sicilia, per la precisione in provincia di Messina, nelle ultime 24 ore e nessun decesso per quanto riguarda il covid, che si sta confermando essere meno aggressivo. (CorrierediRagusa.it)

Poi c’è stata la svolta triste di chi cerca di buttare a mare il prossimo. Perché, anche domani, ci sia uno sguardo per riconoscere la balena bianca delle emozioni, prima che si inabissi per sempre. (Live Sicilia)

L'obiettivo covid free, insomma, rimane più che alla portata in tempi non troppo lontani, incrociando le dita. Ci sono stati anche dei guariti ma, come detto, la Regione non ha fornito in quale provincia sono avvenute le dimissioni. (Giornale di Sicilia)

Intanto c’è un piano nazionale di test diagnostici molecolari prevede nella regione oltre mezzo milione di tamponi in più per contrastare il virus entro dicembre, oltre quelli previsti. “Un’operazione tanto più importante in vista dell’autunno e dell’ipotesi di una possibile recrudescenza dei casi di infezione”, dice il commissario anti-Covid Domenico Arcuri. (Messina Oggi)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr