Ue, Lega: "Bene Pe che boccia assurda proposta Verdi contro cure sugli animali"

LaVoceDiGenova.it INTERNO

Una proposta inaccettabile, diametralmente opposta alle norme sul benessere animale, che dispongono che la sofferenza degli animali debba essere tempestivamente fermata con ogni mezzo e cura efficace.

Così in una nota l'Europarlamentare Marco Campomenosi, capo delegazione della Lega al Parlamento Europeo

Strasburgo - “Bene il voto al Parlamento Europeo, che con ampia maggioranza ha definitivamente respinto l’assurda proposta dei Verdi che chiedevano di vietare l'uso degli antimicrobici destinati al trattamento umano sugli animali. (LaVoceDiGenova.it)

Su altre fonti

Insomma, con lo scudo argomentativo della «non discriminazione» all’Europarlamento è arrivato un altro documento in salva Lgbt. Chiaro: l’Europarlamento e la Commissione Ue sono due organismi differenti, ma il fatto che a distanza di pochi giorni strizzino ambedue l’occhio all’agenda Lgbt non pare casuale (provitaefamiglia.it)

Gli eurodeputati della Lega e di Fratelli d'Italia hanno votato contro la risoluzione al Parlamento europeo . A favore Pd, M5S, Italia Viva. (Quotidiano di Sicilia)

Pertanto, conclude, “la legislazione non potrà mai essere identica: ad impedirlo è la differenza sostanziale tra queste due situazioni giuridiche, distinzione della quale la risoluzione non sembra avere tenuto conto” “È giusto non discriminare le coppie in forza della loro preferenza in materia sessuale; ma è problematico, in presenza di figli, ritenere che i nuclei formati da coppie dello stesso sesso debbano essere parificati alle famiglie formate da genitori eterosessuali – spiega Gambino – perché l’elemento che li distingue – l’esistenza del legame biologico del bambino con il soggetto terzo che ha reso possibile la procreazione – costituisce una differenza sostanziale tra queste due situazioni giuridiche”. (Servizio Informazione Religiosa)

Lo dichiara in una nota il presidente di Azione Cristiana Evangelica, Adriano Crepaldi, associazione radicata in 20 regioni, 35 province e in contatto con molte delle 6.010 chiese evangeliche e altre confessioni cristiane in Italia (cattolici, ortodossi e anglicani) . (Agenzia Stampa Italia)

A chiederlo è una risoluzione approvata ieri dall’assemblea plenaria del Parlamento europeo con 387 voti favorevoli, 161 contrari e 123 astensioni. «Siamo convinti – prosegue Fidanza – che l’Unione non debba interferire in queste materie e che si debba rispettare l’autonomia degli Stati membri (Il Riformista)

L'Ue e' avvisata. Il Parlamento europeo non fara' sconti sui diritti delle persone gay, lesbiche, transessuali e transgender. (Tiscali.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr