Tim in calo del 4,7% dopo che Vivendi ribadisce l’intenzione di non vendere le azioni a Kkr

Tim in calo del 4,7% dopo che Vivendi ribadisce l’intenzione di non vendere le azioni a Kkr
Il Fatto Quotidiano ECONOMIA

Il riferimento è all’offerta non vincolante sul 100% della società presentata nello scorso fine settimana dal fondo statunitense Kkr disposto a pagare 0,5 euro ad azione.

Il problema di Vivendi è che la sua quota in Tim è stata comprata ad un prezzo medio di oltre 1 euro ad azione.

Titolo Tim in calo del 4,7% a 0,43 euro dopo che il socio di maggioranza Vivendi ha comunicato di non avere intenzione di vendere la sua quota del 24%. (Il Fatto Quotidiano)

La notizia riportata su altri giornali

"Il Governo valuterà giustamente l'interesse pubblico che è sotteso a una rete che ha profili anche strategici quando l'Opa ci sarà e quando il piano sarà dettagliato". L'aspetto è ovviamente di enorme complessità" (Corriere TV)

Quella aperta dall'offerta Kkr su Tim - sottolinea - "è una partita che andrà per le lunghe, ma è significativo che qualcosa si sia mosso" intorno a uno dei titoli principali di Piazza Affari. "Per questo - conclude - mi aspetto tempi lunghi per quella che sarà una scelta 'politica' e complicata" (Adnkronos)

Peraltro già ieri le azioni Tim hanno messo la retromarcia, perdendo oltre il 4 per cento, il che significa che anche il mitico mercato sente puzza di fiction. Per capirsi, in quasi tutte le decine di milioni di case e uffici quel filo che collega al mondo è di proprietà della Tim, società quotata in Borsa e privata dal 1997. (Domani)

Vivendi non intende vendere quota in Telecom Italia, è investitore lungo termine Da Reuters

Il titolo vola in Borsa. Il nodo advisor. Sul caso Tim ieri è anche intervenuto il presidente Consob Paolo Savona: «noi possiamo intervenire solamente quando riusciamo ad avere informazioni, siamo già intervenuti» Vivendi: «Offerta Kkr insufficiente». (Il Messaggero)

Sì, va bene, ma le azioni Tim sono da comprare o da tenere anche a 0,45 euro? ‘Manifestazione di interesse’ è diverso da Opa, quindi KKR non si è impegnata a fare niente ed anzi ha detto che senza l’ok di Draghi non procederà. (Indiscreto)

Il gruppo francese, primo azionista di Tim, non ha quindi intenzione di vendere la quota del 24% e dice di essere "molto attaccata all'Italia e a Telecom Italia", secondo un portavoce. Vivendi non ha intenzione di vendere la sua partecipazione in Telecom Italia", ha detto il portavoce (Investing.com)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr