Paratici Chiffi, dure proteste nell'intervallo: il presunto motivo del gesto

Paratici Chiffi, dure proteste nell'intervallo: il presunto motivo del gesto
Approfondimenti:
Juventus News 24 SPORT

Secondo la ricostruzione del Corriere della Sera, il presunto motivo sarebbe legato alla mancata concessione del recupero a fine primo tempo da parte dell’arbitro

Paratici Chiffi, dure proteste nell’intervallo: il presunto motivo del gesto durante il match tra Udinese e Juve. Proteste feroci nell’intervallo di Udinese Juve.

Alcuni giocatori della Juve sono andati incontro all’arbitro Chiffi, così come lo stesso Fabio Paratici, chiedendo spiegazioni al direttore di gara. (Juventus News 24)

La notizia riportata su altri media

“Io sono un veterano del calcio ma ci si aggrappa al recupero mancato del primo tempo per condizionare Chiffi. È la dura accusa che l’Udinese aveva rivolto per bocca del suo ds, Pierpaolo Marino, a Fabio Paratici, suo omologo juventino dopo il match di domenica scorsa. (Il Fatto Quotidiano)

Io ero li vicino e ho anche tranquillizzato l’arbitro perché era un fatto strumentale. Premetto che io ho fatto l’arbitro per quasi 300 partite anche se ero giovanissimo e un po’ conosco la psicologia di come si va a dirigere le partite. (TuttoUdinese.it)

Udinese, Marino: "Una punizione a favore nostro è stata trasformata in un rigore per Ronaldo". vedi letture. Pierpaolo Marino, direttore dell'area tecnica dell'Udinese, si è presentato ai microfoni del canale ufficiale del club dopo la sconfitta di misura contro la Juventus. (TUTTO mercato WEB)

Perché la Juve protestava con Chiffi: due orari diversi nei due tabelloni, cosa dice il regolamento

Non va fatto". "Premetto che io ho fatto l'arbitro, per 300 partite, da giovanissimo. (Udinese Blog)

Marino argomenta ulteriormente la sua critica all'operato della Juventus, partendo dal regolamento per arrivare ad una vicenda definita "aberrante". La protesta pare molto strumentale perché comunque mancava ancora un tempo alla fine della partita. (Sport Fanpage)

I due tabelloni dello stadio indicavano un tempo diverso rispetto a quello del tempo reale. In pratica, la Juventus protestava perché secondo la squadra di Pirlo, l'arbitro aveva fischiato in anticipo rispetto a quella che doveva essere la fine della prima frazione. (Sport Fanpage)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr