Dopo il caro biglietto, le accuse incrociate

Dopo il caro biglietto, le accuse incrociate
Più informazioni:
IL GIORNO INTERNO

I consiglieri comunali Pd Alessandro Giungi, Natascia Tosoni, Daniele Nahum e Simonetta D’Amico dicono "no a questa imposizione di Regione".

Il rincaro riguarda anche le tariffe dei treni: la cifra per salire su una carrozza Trenord aumenterà di circa 20 centesimi per un biglietto e di 3 euro per gli abbonamenti.

"Ci siamo adeguati a una norma che è stata imposta dalla Regione", ha evidenziato l’assessore comunale alla Mobilità Arianna Censi. (IL GIORNO)

Ne parlano anche altre fonti

E spunta la mini-tessera per lo smart working di Federica Venni. (fotogramma). Con l’ordinario a 2,20 euro si studiano anche nuove formule di abbonamento dedicate a chi non usa più i mezzi tutti i giorni (La Repubblica)

Dunque stiamo protestando, animatamente, contro un provvedimento che sotto sotto non è sbagliato e viene incontro anche al nostro interesse di non ridurre aziende come Atm in un’Atac qualsiasi. Sarebbe un affare anche a 3 euro La tariffa del trasporto pubblico resta sempre conveniente se davvero ci permette di vivere senza un mezzo di proprietà. (MilanoToday.it)

Con il Comune che attacca la Regione per aver deciso l’aumento e Palazzo Lombardia che, a sua volta, rispedisce al mittente le accuse. Ma per Censi, «la Regione avrebbe potuto compensare autonomamente l’aumento, mettendo fondi propri, e non gravando sulle agenzie. (Corriere Milano)

Aumento del biglietto Atm, effetto crisi sui conti

Per i sindacati l’aumento delle tariffe di Atm e Trenord rappresentano «una stangata alle famiglie». Credo, quindi, sia necessario un approfondimento nella prossima assemblea, prima di qualsiasi decisione in merito e per evitare ulteriori incomprensioni». (Corriere Milano)

A Berlino si paga 2,70, a Monaco 3,50. A Barcellona una corsa ordinaria arriva a 2,40 euro, ma con otto linee sotterranee. (La Repubblica)

l numero dei passeggeri che difficilmente tornerà ai livelli pre-Covid. Costi di gestione che con l'apertura della M4 lieviteranno. (La Repubblica)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr