Salvini piegato dai suoi governatori, la Lega cede sulle zone bianche

Salvini piegato dai suoi governatori, la Lega cede sulle zone bianche
La Stampa INTERNO

Un’obiezione figlia di un complicato dibattito interno al Carroccio, alla quale ha risposto con fermezza Mariastella Germini: «È stata la conferenza dei presidenti a chiedercelo»

Giancarlo Giorgetti durante il Consiglio dei ministri ha espresso le perplessità della Lega sull’adozione del super Green Pass anche in zona bianca.

L’unanimità alla fine si è ottenuta, ma non è stata una passeggiata.

(La Stampa)

La notizia riportata su altri media

Nella Lega un po’ di più, grazie ad alcuni ingredienti aggiuntivi: i testacoda di Salvini sui green pass, la diversa “sensibilità” dei governatori, la tendenza draghiana di Giorgetti e dei ministri, la coccolata ala No Vax e Nì Vax del partito e dell’elettorato. (L'HuffPost)

La norma che prevede il green pass rafforzato anche in zona bianca era ampiamente osteggiata dai leghisti riuniti per decidere il da farsi. opo il via libera al super green pass le forze politiche fanno i conti con la 'stretta' imposta dal governo "per salvare il Natale". (AGI - Agenzia Giornalistica Italia)

Alla fine una telefonata tra Mario Draghi e Matteo Salvini avrebbe convinto i leghisti a evitare lo strappo Fatto sta che nonostante la sua contrarietà al super green pass, la stretta è puntualmente arrivata: l’ennesimo boccone amaro per lui da quando è nato il governo Draghi. (Money.it)

Super green pass, il dietrofront di Salvini “accerchiato” da governatori e Draghi

E pensare che nella Lega c’è anche chi dice che il green pass non serve a niente Un partito commissariato. Dalla sua nascita, infatti, la Lega per Salvini premier non ha mai avuto un momento di confronto nazionale. (Domani)

Uno, in particolare, il tema di divisione: l’introduzione del green pass rafforzato nelle zone bianche da subito e senza limiti di tempo. In mattinata si è tenuta una videoconferenza tra il segretario Matteo Salvini, lo stesso Fedriga, il ministro Giorgetti, i capigruppo Molinari e Romeo. (Corriere della Sera)

Ma anche la Lamorgese, a cui Draghi ha rifilato la brutta gatta da pelare dei controlli sul green pass, si è lamentata di avere scarsi uomini e mezzi. Controlli sul green pass anche sui mezzi pubblici, la gatta da pelare della Lamorgese. (Il Primato Nazionale)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr