Stop allo sci, a Cuneo la rabbia degli operatori del Popolo della Montagna

Stop allo sci, a Cuneo la rabbia degli operatori del Popolo della Montagna
Più informazioni:
LaPresse ESTERI

Nel capoluogo la voce e la protesta di commercianti, ristoratori, albergatori, sciatori e i maestri alla presenza del governatore piemontese Cirio.

Il governatore piemontese Cirio: "La politica chieda scusa". Scende in piazza a Cuneo la rabbia degli operatori turistici della provincia Granda, che hanno subito gravi danni economici per lo stop allo sci imposto dal governo a causa della pandemia di Covid. (LaPresse)

La notizia riportata su altri giornali

Usa e Ue annunciano sanzioni contro i leader della giunta militare. L’intento della giunta militare è quello di dissuadere i giovani dall’intraprendere iniziative pericolose per la loro incolumità, specie l’ultimo fine settimana in cui sono morti tre manifestanti. (Elzeviro)

Secondo il gigante del Web la pagina "Tatmadaw - True News Information Team" avrebbe ripetutamente «violato le regole della comunità che vietano l'incitamento alla violenza». Everyone has a right to peaceful assembly. (Ticinonline)

Il bando del social network è arrivato mentre nel Paese in rivolta Internet è bloccata da una settimana. Ieri erano stati uccisi due manifestanti anti-golpe a Mandalay. Facebook ha chiuso la pagina dell'esercito birmano (conosciuto col nome ufficiale di Tatmadaw) per aver violato le regole della piattaforma, che proibiscono l'incitamento alla violenza. (La Stampa)

“Rischiate di morire”: i militari minacciano i manifestanti in Birmania

Già una settimana fa Facebook aveva deciso di limitare “i post dei militari golpisti”, accusati di fare disinformazione . E oggi il social network interviene in modo ancora più radicale chiudendo l’account gestito dall’ esercito della Birmania, mentre prosegue la repressione nei confronti dei manifestanti che ieri ha portato alla morte di due persone (Il Fatto Quotidiano)

Bisognerà vedere come la comunità internazionale si muove. Soprattutto si attende una presa di posizione della Cina, da cinquant’anni maggior partner economico del Myanmar, che al momento sta tenendo le distanze anch’essa”. (Il Sussidiario.net)

Il messaggio. Poh-Poh, sorella di Mya Thwate Thwate Khaing, ha invitato i birmani a unirsi alla protesta per sconfiggere la giunta golpista. Mya Thwet Thwet Khine si è spenta oggi in ospedale, non aveva speranza. (IL GIORNO)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr