F1, Red Bull domina la classifica dei pit-stop: Verstappen indemoniato, sosta da 1.88! Ferrari sesta: c'è da migliorare

F1, Red Bull domina la classifica dei pit-stop: Verstappen indemoniato, sosta da 1.88! Ferrari sesta: c'è da migliorare
Approfondimenti:
OA Sport SPORT

L’unico intruso nella top-10 è Lance Stroll: nono con 2.08 in Portogallo al volante della sua Aston Martin.

Di seguito la classifica dei pit-stop del Mondiale F1 2021.

La scuderia austriaca ha un vantaggio enorme nei confronti di Mercedes (224 punti), Williams (161), Aston Martin (160).

La classifica dei pit-stop è ormai un classico del Mondiale F1, visto che è in vigore fin dal 2015.

CLASSIFICA PIT-STOP MONDIALE F1 2021. (OA Sport)

Ne parlano anche altri giornali

Abbiamo poco a che fare con la Mercedes e non è un modello per noi - le parole del manager austriaco -. La sfida a parole fra le parti prosegue, quella in pista riprenderà il 24 ottobre con il GP degli Stati Uniti d'America, ad Austin, in Texas (Sportal)

Non abbiamo un vero rapporto», sono state le parole di Christian Horner, team principal della Red Bull a "SportBild". Si preannuncia dunque un finale di stagione entusiasmante fra la Red Bull e la Mercedes, con il duello fra le due scuderie che si protrae anche fuori dalla pista. (Ticinonline)

Il programma giovani gestito da Helmut Marko ha portato nel Circus tantissimi profili, i quali hanno poi dovuto fare i conti con una difficile ‘fuga’ dall’orbita Red Bull per iniziare a costruirsi una carriera senza l’onore e l’onere di dover fare i conti con l’ex pilota austriaco. (FormulaPassion.it)

Verstappen: "Austin? Forse andremo meglio su altre piste"

Se questo scenario può essere percorribile dalla Mercedes, c’è qualche dubbio che possa essere sottoscritto anche dalla Red Bull proprio per la maggiore usura del 6 cilindri RA621H Christian Horner, team principal Red Bull, ha messo in evidenza la crescita della power unit Mercedes: “Non riusciamo più a reggere il passo delle frecce nere pur disponendo di ali più piccole. (Motorsport.com Italia)

Nell’impatto subìto dall’ormai ex pilota della Haas, la parte del corpo ad essere maggiormente lesionata è stata quella delle mani, proprio a causa delle fiamme. “Il feedback dei piloti è stato positivo – ha concluso il dirigente australiano – tutti erano soddisfatti“ (FormulaPassion.it)

Forse su altre piste noi potremo andare un po' meglio, ma non sarà mai molto facile. Un passo avanti da compiere soprattutto lavorando sulla preparazione a monte, del week end (Autosprint.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr