Va a fare il vaccino ma pretende la modifica del modulo: scoppia il caso a Roma

Va a fare il vaccino ma pretende la modifica del modulo: scoppia il caso a Roma
Monti Prenestini SALUTE

“I fatti sono accaduti mercoledì 12 gennaio presso il Centro vaccinale Cesa in via Alvaro del Portillo, dove la donna si è recata per sottoporsi al vaccino anti-Covid Moderna – riscostruisce il Codacons – Al momento di firmare il consenso informato che, come noto, tutti i vaccinati devono sottoscrivere, la donna tira fuori una penna dalla borsa e, alla pagina dove si specifica che il cittadino ha ‘compreso i benefici e i rischi della vaccinazione’, aggiunge una frase scrivendo testualmente ‘non liberando lo Stato italiano, che mi obbliga a questa vaccinazione, da ogni eventuale avversità, malattia derivante, o qualsiasi effetto indesiderato ne derivasse'”

A rendere nota la vicenda è il Codacons, a cui la donna si è rivolta per avere assistenza legale dopo che il personale medico si è rifiutato di somministrare il siero. (Monti Prenestini)

La notizia riportata su altri giornali

La signora si vede così costretta a riportare per iscritto sullo stesso modulo: ‘Desidero vaccinarmi qui ed ora, ma non mi viene effettuata la vaccinazione perché ho inserito la postilla che non esonera lo Stato Italiano’. (Imola Oggi)

“Non liberando lo Stato italiano, che mi obbliga a questa vaccinazione, da ogni eventuale avversità, malattia derivante, o qualsiasi effetto indesiderato ne derivasse”. È intervenuto il direttore della struttura che ha suggerito ai medici presenti di aggiungere a loro volta una “contro-postilla” sul modulo del consenso informato. (La Gazzetta Digitale)

Scrive sul modulo Stato responsabile per danni . Non viene vaccinata - Il personale sanitario del centro vaccinale si accorge della postilla scritta a penna dalla donna e scoppia il caos. Medici rifiutano di inocularla (La Pressa)

Covid, over 50 scrive su modulo ‘Stato responsabile dei danni’: i medici si rifiutano di vaccinarla

Si adegua all'obbligo di vaccinazione per gli over 50, ma al modulo aggiunge a penna di non esonerare lo Stato italiano da eventuali danni del vaccino. (Sputnik Italia)

Vicenda assurda avvenuta in un hub vaccinale di Roma, dove una donna over 50 si è recata per sottoporsi alla vaccinazione anti Covid in seguito all'obbligo vaccinale introdotto dal governo. Si comunica alla paziente che si potrà procedere alla vaccinazione solo previa firma del consenso informatò» (leggo.it)

È lo stesso Codacons a riportare quanto accaduto in un centro vaccinale di Roma, che ha a che fare proprio con il consenso informato. “Mercoledì 12 gennaio la signora si reca presso il centro vaccinale Cesa in Via Alvaro per sottoporsi al vaccino anti-Covid Moderna. (MeteoWeb)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr