Coprifuoco alle 24: quanto vale un'ora in più di movida - Tiburno.tv Tiburno.tv

Tiburno.tv INTERNO

Salvo stravolgimenti nei dati che segnalano ormai una curva consolidata al ribasso, già da venerdì prossimo la nostra Regione verrà dichiarata zona bianca.

Stamattina verranno definite le sedi per la vaccinazione dei ragazzi, una platea che nel Lazio conta circa 240mila persone.

E se sono 10mila le dosi che l’assessore alla Sanità D’Amato ha deciso di stanziare per i junior open day, altre 20mila verranno distribuite ai pediatri

Nel conteggio generale, il Lazio è al secondo posto con 3.674.875 dosi somministrate. (Tiburno.tv)

Se ne è parlato anche su altre testate

Il Corap Crotone gestisce anche le condotte per l’acqua potabile per la città capoluogo di provincia. I dipendenti della sede di Crotone, spiegano, hanno “inscenato la protesta dopo l’ennesima promessa non mantenuta sul pagamento degli stipendi”. (Corriere di Lamezia)

Tornando alla zona bianca, la cancellazione del coprifuoco implica anche gli esercizi e i locali notturni non chiuderanno più alle 23. Piscine e altre attività. Quanto alle altre strutture, in zona bianca riaprono le piscine al chiuso, i parchi tematici, le sale giochi e le sale scommesse, mentre in zona gialla dovranno attendere. (The Italian Times)

In fascia bianca il coprifuoco non scatta mai e restano solo due limitazioni: mascherine e distanziamento. Nel resto d'Italia, l'orario limite per rientrare a casa passa dalle 23 a mezzanotte. (Tiscali.it)

Si allenta il coprifuoco. Un'ora in più di "libertà" utile soprattutto per bar e ristoranti, che potranno prolungare ulteriormente l'orario di apertura. (24ovest.it)

Oggi si registra un altro passo verso il ritorno alla normalità con l’allenamento del coprifuoco che – da stasera – slitta dalle 23 alla mezzanotte. Sono quattro le Regioni che oggi si sono svegliate in zona bianca: Veneto, Abruzzo, Liguria e Umbria, che si aggiungono a Molise, Friuli Venezia Giulia e Sardegna, e fanno salire da oggi a sette il numero delle Regioni a minor rischio Covid (Grandangolo Agrigento)

È quanto chiedono i dipendenti del CORAP che questa mattina a Crotone, in segno di protesta sono saliti sul tetto dell'unità (wesud)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr