Femminicidio, Clara aveva presentato una denuncia contro ignoti per un danneggiamento

Femminicidio, Clara aveva presentato una denuncia contro ignoti per un danneggiamento
Per saperne di più:
Primocanale INTERNO

Molte colleghe della donna uccisa raccontano di denunce presentate da Clara per supportare il fatto che quello della cinquantanovenne è stato un omicidio annunciato.

o ha detto il procuratore Francesco Cozzi, lo ribadiscono dalla squadra mobile della polizia: "Clara Ceccarelli, la vittima del femminicidio di via Colombo, non aveva presentato nessuna denuncia contro l'ex compagno Renato Scapusi".

Che Renato Scapusi fosse molesto non è un mistero, ma dire che l'artigiano fosse anche pericoloso anche molti commercianti della zona lo escludono. (Primocanale)

Su altre testate

A sua detta, l’uomo voleva anche togliersi la vita ma non ha trovato il coraggio di farlo: “Dopo ho vagato per la città fino al Galliera Ed infatti, un dipendente della donna rivela un particolare terribile sul delitto: “Clara due settimane fa si era andata a pagare il funerale. (Leggilo.org)

Un terribile retroscena è emerso sull'omicidio di Clara Ceccarelli, la donna uccisa con trenta coltellate dall'ex compagno per le strade di Genova, davanti alla sua attività commerciale. Era quasi un anno che Clara era vittima di questi comportamenti, ossia dalla fine della loro relazione (Fanpage.it)

Al momento dell'omicidio, a quanto si apprende, non c'erano clienti nel locale. La polizia sta raccogliendo testimonianze di chi conosceva la donna o si trovava nei pressi del negozio. (La Repubblica)

"Clara si era pagata il funerale prima di essere uccisa": allarme femminicidi, dopo il lockdown quasi uno al giorno

Lo hanno raccontanto i negozianti di via Colombo il giorno dopo la tragedia. Dichiarazione di Sheeba Servetto, segretaria regionale Uil Liguria. "Questo femminiciodio,avvenuto in via Colombo, ci tocca da vicino,non solo perché èavvenuto a due passi dalla Uil, in via Colombo, ma perché è figlio, ancora una volta, della cultura del possesso, della prevaricazione e della violenza (GenovaToday)

E due settimane fa, secondo quanto raccontato dal commesso che ogni tanto la aiutava, la donna si era pagata il funerale per evitare di pesare sull'anziano padre e sul figlio disabile. Renato ha aspettato che venisse sera e che se ne andasse il ragazzo dal negozio», ha detto una delle commercianti vicine di negozio. (Gazzetta del Sud)

Un presagio quello riferito dall'Ansa quasi confermato dall'ammissione di Renato Scapusi, il suo ex compagno di 59 anni, disoccupato e ludopatico. Nel suo negozio in pieno centro a Genova una donna è stata uccisa con 30 coltellate dall'ex compagno, e tutti sapevano che la perseguitava. (Today.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr