Uk, Telegraph: party dello staff Johnson la sera prima dei funerali del principe Filippo

Uk, Telegraph: party dello staff Johnson la sera prima dei funerali del principe Filippo
Per saperne di più:
Sky Tg24 ESTERI

Sempre secondo il Telegraph, un testimone avrebbe raccontato di aver visto un membro dello staff usare e rompere, in giardino, l'altalena del figlio di Johnson, Wilfred

Inoltre un membro dello staff sarebbe stato mandato in un vicino supermercato con una valigia da riempire con bottiglie di vino.

In entrambe le occasioni non sarebbe mancato l'alcol e testimoni avrebbero raccontato al Telegraph di gente che beveva e ballava fino a tarda notte. (Sky Tg24 )

Ne parlano anche altri media

Le rivelazioni hanno portato a un'ennesima ondata d'indignazione fra gli esponenti politici di entrambi gli schieramenti, e non solo Proprio là dove, a maggio 2020, si era tenuto anche il famigerato party «bring your own booze» («portate il vostro alcol», ndr. (Ticinonline)

Il Telegraph spiega che all’evento organizzato nella residenza ufficiale del primo ministro hanno partecipato una trentina di persone. Secondo quanto rivela il quotidiano inglese Daily Telegraph alcuni dipendenti di Downing Street hanno partecipato ad altre due feste in pieno lockdown, il 16 aprile scorso, con tanto di alcol e musica ad alto volume. (Il Fatto Quotidiano)

Ross ha inoltre annunciato che spedirà la sua missiva di sfiducia nei confronti del Premier al 1922 Il giorno dopo l’espiazione parlamentare di mercoledì - quando Boris Johnson ha spergiurato quasi in mezzo agli sberleffi dell’opposizione di essere andato al garden party del 20 maggio 2020 violando le regole di distanziamento sociale da lui stesso promulgate durante il primo lockdown convinto che fosse un «meeting di lavoro» - ecco che cominciano materialmente a staccarsi i primi pezzi della sua leadership. (Il Manifesto)

Party-gate: in Inghilterra si scusa Johnson, mentre a San Marino il governo non lo fa - libertas

Party durante il lockdown, bufera su Boris Johnson: si scusa, ma c’è chi ne chiede le dimissioni. Boris Johnson nella bufera per il “party-gate”, lo scandalo per la festa che si è tenuta a Downing Street a Londra la sera del 20 maggio del 2020, mentre in tutto il Paese c’era il primo lockdown Covid. (Libertas San Marino)

E questo il giorno prima che la regina Elisabetta piangesse da sola la morte del principe Filippo al suo funerale, perché il lockdown imposto dalle autorità britanniche non permettevano la partecipazione alla funzione religiosa nella cappella privata del Castello di Windsor. (Adnkronos)

Il cosiddetto “Partygate” sta mettendo sempre più in imbarazzo il primo ministro britannico, il quale si è recentemente scusato in Parlamento, per le feste organizzate mentre il Paese era in pieno lockdown. (LaPresse)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr