Il Milan gioca ma perde, Ibra delude e si ferma: il Diavolo esce con le ossa rotte dal derby

Il Milan gioca ma perde, Ibra delude e si ferma: il Diavolo esce con le ossa rotte dal derby
TUTTO mercato WEB SPORT

Ora il Milan è a -4 dall’Inter e si chiede quali siano le proprie ambizioni per il resto della stagione

I rossoneri perdono il derby e lo fanno anche male: a San Siro finisce 3-0 per i rivali cittadini.

Il Milan gioca ma perde, Ibra delude e si ferma: il Diavolo esce con le ossa rotte dal derby. vedi letture. Peggio di così, era difficile da immaginare.

Zlatan che saluta mentre i compagni affondando è l’immagine finale di una domenica dalla quale il Diavolo esce con le ossa rotte e le ambizioni spuntate. (TUTTO mercato WEB)

Su altre fonti

74 Il calcio è meraviglioso anche perché vive di ere , sempre segnate da calciatori che diventano icone di un momento destinato a rimanere impresso per sempre. In queste anse temporali si inseriscono gli uomini derby , giocatori che più di altri sanno mantenere il sangue freddo quando attorno sale la pressione. (Calciomercato.com)

Una partita nella partita, in Milan-Inter, che di fatto si è giocata soltanto a distanza. Zlatan Ibrahimovic da una parte, Romelu Lukaku dall'altra, a poche settimane di distanza dal clamoroso scontro che aveva animato l'ultimo incrocio in Coppa Italia. (Sport Fanpage)

Dal derby alla questione legata a Ibrahimovic e Lukaku. Spartiacque importante quello di oggi per le sorti del campionato. Paolo Maldini ha preso la parola a pochi minuti dal calcio d’inizio di Milan-Inter (CalcioMercato.it)

Ibra ci prova, Lukaku ci riesce: la rivincita dopo lo scontro è tutta di Big Rom

Urla «Io, io» e aspetta l’abbraccio dei compagni in campo e di quelli in panchina Il belga mette a segno il terzo gol dopo la doppietta di Lautaro e lascia scaturire tutta la sua gioia. (Living)

Non era però scontato che le prestazioni potessero rispettare il peso dei milioni e delle aspettative, tutt’altro Lukaku ha trascinato l'Inter in vetta al nostro calcio. Siamo piuttosto restii solitamente agli elogi. (Sport Mediaset)

Lukaku storico — Lukaku, invece, col passare dei minuti non è calato per niente, anzi. Il "derby dei derby", com'era stato ribattezzato, visto che sul tavolo (pardon: sul prato) c'era la leadership della Serie A dopo anni e anni. (La Gazzetta dello Sport)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr