Bollette, brutte notizie per gli italiani: aumento della luce del 40%

Bollette, brutte notizie per gli italiani: aumento della luce del 40%
Altri dettagli:
Vesuvius.it ECONOMIA

Come sottolinea il ministro, l’aumento dei costi dell’energia mette a dura prova la competitività delle imprese

Non si arresta l’aumento del costo delle bollette.

Bollette, la ricetta del ministro Cingolani. L’aumento dell’energia è legato alla contemporanea risalita delle quotazioni del gas, che impattano anche sul prezzo del metano.

Gli italiani rischiano di ricevere una brutta notizia anche ad ottobre. (Vesuvius.it)

Ne parlano anche altri giornali

Leggi anche: Bollette luce e gas autunno 2021: migliori offerte per risparmiare. Tra quelle che hanno accusato aumenti di prezzo più importanti ci sono l’energia elettrica e il gas, che hanno comportato inevitabilmente il lievitare del prezzo delle bollette. (I-Dome.com)

"Lo scorso trimestre la bolletta elettrica è aumentata del 20%, il prossimo trimestre aumenta del 40% - ha affermato il ministro, che ha la competenza sull'energia - Queste cose vanno dette, abbiamo il dovere di affrontarle". (Sky Tg24 )

Bollette luce più care ad ottobre. “Lo scorso trimestre la bolletta elettrica è aumentata del 20%, il prossimo trimestre aumenterà del 40%”. Come ha annunciato il ministro della Transizione Ecologica Roberto Cingolani ad ottobre sulla bolletta per la fornitura di energia elettrica di casa ci sarà un aumento del 40 per cento. (Cose di Casa)

Le bollette, rincari al 40% A rimetterci i soliti

Roma, 14 settembre 2021 – Dal 1 ottobre scatterà l'aggiornamento delle tariffe da parte di Arera, l'autorità dell'energia, e si profila una vera e propria stangata. Come ha dichiarato a margine di un convegno a Genova il ministro della Transizione cologica Roberto Cingolani, "lo scorso trimestre la bolletta elettrica è aumentata del 20%, il prossimo trimestre aumenta del 40%". (LA NAZIONE)

«Lo scorso trimestre la bolletta elettrica è. Il testo completo di questo contenuto a pagamento è disponibile agli utenti abbonati (ilmattino.it)

In altre parole la seconda causa degli aumenti è legata ai cosiddetti «permessi per inquinare», certificati gestiti dall’Unione europea e utilizzati sui mercati come prodotti finanziari. E siccome i produttori di energia sono costretti a comprarli per compensare le emissioni di Co2, si rifanno scaricando i costi sulla bolletta (L'Eco di Bergamo)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr