Blitz antimafia, 70 arresti e sequestri per un miliardo di euro. In manette la cantante Anna Bettz

La Stampa CULTURA E SPETTACOLO

Nel corso dell'operazione sono stati sequestrati immobili, società e denaro contante per un valore di circa un miliardo di euro.

L'indagine «Petrolmafie spa» ha portato anche al sequestro di beni per oltre un miliardo di euro.

L'operazione è frutto di 4 diverse indagini, coordinate dalle diverse procure antimafia di Catanzaro, Reggio Calabria, Napoli e Roma e dalla Direzione nazionale antimafia.

Seguendo le vicende di questo gruppo imprenditoriale e' emersa la presenza, nemmeno tanto occulta, di personaggi legati a importanti gruppi di Camorra»

Nel blitz di oggi sono state trovate due valigette con un milione di euro cash, a dimostrazione della grande disponibilità di denaro dell'organizzazione. (La Stampa)

La notizia riportata su altri giornali

Tra le persone finite in carcere c’è anche l’imprenditrice e cantante Anna Bettozzi, in arte Ana Betz, vedova del petroliere Sergio Di Cesare. E così facendo in soli 36 mesi il giro d’affari della Maxipetroli è cresciuto esponenzialmente, rendendo il fatturato 45 volte superiore (L'HuffPost)

SPADAFORA Gennaro, nato a Torre del Greco (NA) il 28.10.1974; TOSCANO Claudio, nato a Napoli il 13.02.1966 In tal modo, dal 2018 al 2019, sono stati movimentati circa 6.000.000 di litri di gasolio per autotrazione di provenienza illecita, cui corrisponde un’evasione di accisa pari ad euro 5.766.018,60. (Paesenews)

Perdonami io ho soci che si chiamano Tronchetti Provera e Silvio Berlusconi», dice la donna non sapendo di essere intercettata Tra gli arrestati c’è Anna Bettozzi – nome d’arte: Ana Bettz -, vedova del petroliere Sergio Di Cesare, che secondo le accuse sarebbe amministratrice di fatto della Made Petrol Italia. (Open)

Intercettazioni: soldi in nero a Gabriel Garko. Un arresto per autoriciclaggio

Associazione mafiosa, riciclaggio, frode fiscale di prodotti petroliferi - è in corso la maxi operazione coordinata dalle procure distrettuali Antimafia di Roma, Napoli, Catanzaro e Reggio Calabria. Sono in tutto dieci le misure di custodia cautelare in carcere eseguite su richiesta della procura di Roma e tredici quelle ai domiciliari (ilmessaggero.it)

Un’alleanza tra clan camorristici, ‘ndrine calabresi e imprenditori per gestire il traffico illegale dei prodotti petroliferi. La prima tipologia di frode consisteva nell’importazione, perlopiù dall’est-Europa, di prodotti petroliferi artefatti e oli lubrificanti, successivamente immessi in commercio come gasolio per autotrazione (Il Fatto Quotidiano)

Spuntano alcune intercettazioni telefoniche che hanno portato all'arresto di Anna Bettozzi, vedova del petroliere Sergio Di Cesare, eseguito a Catanzaro nell'ambito dell'operazione denominata Petrolmafie Spa. (L'Unione Sarda.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr