Vaccini in azienda, raggiunto accordo governo-sindacati: come funzionerà

Vaccini in azienda, raggiunto accordo governo-sindacati: come funzionerà
Fanpage.it INTERNO

Le inoculazioni possono essere fatte in azienda, oppure i datori di lavoro possono stipulare convenzioni con strutture sanitarie private in possesso dei requisiti per la vaccinazione

In pratica "Accanto al canale della sanità territoriale (medici di base e farmacie) ci sarà la possibilità di vaccinarsi sui luoghi di lavoro".

Potranno quindi iniziare le vaccinazioni nei luoghi di lavoro, con il supporto dei medici aziendali e della rete Inail, rivolte ai lavoratori. (Fanpage.it)

Su altre testate

Bombardieri: "Con doppia firma assicurata sicurezza e coerenza". “Con la firma di questi accordi abbiamo ottenuto un grande risultato: la sicurezza prima di tutto Se la vaccinazione verrà eseguita in orario di lavoro, prosegue il Protocollo, il tempo necessario "sarà equiparato a tutti gli effetti all’orario di lavoro". (Adnkronos)

Grazie alle istituzioni e alle organizzazioni che hanno contribuito a questo risultato”. (ITALPRESS) – “Abbiamo raggiunto l’accordo con le parti sociali sull’aggiornamento del protocollo sicurezza COVID e sulle modalità di vaccinazione sui posti di lavoro. (ciociariaoggi.it)

Per i disabili, che vengono equiparati agli ultrafragili, sarà possibile prenotarsi dalle 23.00 di domani (7 aprile) tramite diversi canali: il portale dedicato, http://prenotovaccino.regione.liguria.it e il numero verde 800938818. (Genova24.it)

Vaccini, Orlando: Protocollo su aziende opportunità per imprese e Paese

Sul giornale di domani vedremo gli effetti della crisi su un mercato del lavoro sempre più in ginocchio, specialmente per i lavoratori della cultura e dello spettacolo a cui non è arrivato nessun aiuto. (Il Fatto Quotidiano)

Gli oltre 20mila pazienti che invece rientrano nelle patologie indicate nell’allegato B, hanno ricevuto direttamente il codice di prenotazione composto da 8 cifre, che dà loro la possibilità di prenotarsi direttamente sul portale. (Valdarnopost)

“Si partirà quando si avranno i vaccini”, ha precisato ancora, spiegando che saranno le Regioni a “smistare il traffico”, cioè a riceverli e darli alle singole aziende territoriali sanitarie che poi le daranno alle imprese. (LaPresse)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr